• 8 Ottobre 2022 0:35

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Olimpiadi 2024, Malagò: «Roma aveva tutte le carte in regola per vincere»

Ott 10, 2016

Senza la vicenda del Comune, Roma ce l’avrebbe fatta a ottenere la candidatura alle Olimpiadi 2024. Lo ha detto il presidente del Coni Giovanni Malag a “Radio anch’io sport”. Diplomaticamente dicevo che avevamo il 25% di possibilit, ma la candidatura era molto forte, Roma aveva tutte le carte in regola per vincere. Con il Cio, ha aggiunto Malag, ora si creata una situazione non positiva per lo sport italiano. Il Cio si comportato bene con noi, e oggi si trova

spiazzato rispetto a quel che successo.

Non vero che erano giochi del mattone

stato non vero, non giusto, non serio sostenere che le Olimpiadi di Roma 2024 sarebbero state le Olimpiadi del mattone, ha detto il presidente del Coni. Nel nostro programma non si prevedono costruzioni, l’unica cosa nuova sarebbe il villaggio degli atleti per 11mila giovani, che poi resterebbe costruito e utilizzabile per il polo universitario e l’ospedale di una certa zona di Roma.

Il Coni l’unico che pu ritirare la candidatura

Il Coni – ha detto Malag – l’unico interlocutore del Cio e l’unico che pu ritirare una candidatura? correttissimo e corrispondente alla verit. Il Cio come interlocutore, fino a prova contraria, ha e deve avere solo il comitato olimpico e di conseguenza il Coni che deve fare qualsiasi passo o atto ufficiale. Al di l di questo posso riconfermare che per essere una candidatura forte, servono tre gambe, se ne manca una la candidatura non pi forte. Malag ha sottolineato di aver incontrato a Roma, in ocasione di un convegno in Vaticano, il presidente del Cio, Thomas Bach.

Vedendo Bach e nel raccontarci l’anomala situazione italiana e della citt di Roma, lui mi ha chiesto di aspettare a fare qualsiasi dichiarazione ufficiale, fino alla chiusura dei lavori in Vaticano, che si chiuso venerd, poi sabato c’ stato un super incontro a Losanna per quanto riguarda l’annoso e complesso tema del doping, e domani parleremo.

© Riproduzione riservata

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close