• 16 Maggio 2021 2:13

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Nokia 3310, il bello, il brutto e il cattivo

Mar 3, 2017

Tutti parlano del nuovo Nokia 3310. Almeno a livello mediatico la furba trovata di marketing dell’azienda finlandese HMD Global sembra aver funzionato ma, al di là del clamore, questo nuovo modello riuscirà a imporsi sul mercato o il suo principale obiettivo si esaurisce nell’aver riportato Nokia sulla bocca di tutti? La risposta a tutte queste domande dev’essere, necessariamente, 42, perché è come voler trovare la risposta alla domanda fondamentale sulla vita, l’universo e tutto quanto.

hitchhikers guide to the galaxy arthur denthitchhikers guide to the galaxy arthur dent

Ma siccome noi siamo un po’ come Arthur Dent vogliamo avventurarci lo stesso verso il leggendario pianeta Magrathea.

Nokia 3310, un gigante dei nostri tempi

C’è stato un tempo in cui l’immaginario attualmente occupato dall’iPhone per quanto riguarda il settore mobile era dominio incontrastato di Nokia. I prodotti dell’azienda finlandese, agli inizi del nuovo millennio erano infatti un vero must e il Nokia Tune, la suoneria ispirata al Gran Vals di Francisco Tárrega, una musichetta universalmente riconoscibile.

Chi non era giovane in quegli anni difficilmente può avere la misura di quanto il brand Nokia pesasse e di quanto al suo successo abbia contribuito soprattutto il 3310. Per averne una pallida idea basti dire che dal 2000, anno del suo esordio, al 2005, anno in cui la produzione fu interrotta, il Nokia 3310 ha venduto 126 milioni di esemplari.

modern nokia 3310 to have swappable faceplates runs series 30 plus 513294 2modern nokia 3310 to have swappable faceplates runs series 30 plus 513294 2

I motivi del suo successo furono diversi. Anzitutto il design, così compatto, bilanciato e armonioso, così diverso dai candybar neri che riempivano le vetrine dei negozi in quegli anni. Maneggevole, comodo, con l’antenna integrata quando tutti ne avevano ancora una esterna, quell’inserto attorno al display e i tasti a goccia, tutto contribuiva a rendere il 3310 assolutamente unico e iconico nel panorama dell’epoca.

oltre al design innovativo, il cellulare (da quant’è che non usavo questo termine?) era noto anche per altre caratteristiche: l’incredibile stabilità del sistema operativo, l’ottima ricezione in tutte le condizioni (aveva un chip 2G), un’autonomia incredibilmente elevata grazie alla batteria da 1000 mAh (che tempi!), la disponibilità di alcune killer app tra cui il leggendario Snake e un’incredibile robustezza, rimasta impressa ancora oggi nell’immaginario collettivo. Insomma, per l’epoca fu un prodotto dirompente, realmente innovativo e per questo premiato dal mercato.

In tempi più recenti ci hanno pensato la direttrice di Vogue USA e diverse star di Hollywood a rilanciare la moda dei cellulari al posto dello smartphone. Un esercizio snob a metà tra passione vintage e voglia di trasmettere concretezza (io col cellulare ci telefono, non ci perdo tempo), il tutto giustificato anche dall’idea di una maggior sicurezza, che però sappiamo essere una leggenda metropolitana.

Nokia 3310 edizione 2017, marketing o esigenza profonda?

Non sappiamo se ai creativi di HMD Global l’idea di una nuova versione del 3310 sia venuta dagli esempi prima citati, ma sicuramente a livello di comunicazione è una trovata forte. La cosa che spiazza è che al momento non è chiaro se si tratti solo di questo, cioè di una mera operazione di rilancio dell’immagine, o se dietro ci siano mire economiche concrete. I segnali sono discordanti e contraddittori.

Da un lato infatti l’operazione sembra richiamare quella fatta con la Mini o con la Nuova 500: l’attualizzazione di un modello popolare. Ma lì l’operazione non coinvolge solo il design bensì anche i contenuti tecnologici e porta alla realizzazione di un prodotto che, da popolare ed economico che era, diventa trendy e di nicchia. Qui invece, design a parte, sembra non essere cambiato nulla e con queste premesse l’edizione 2017 del Nokia 3310 non sembra essere in grado di attrarre un particolare target di pubblico in grado di decretarne il successo di mercato.

nokia 3310 coloursnokia 3310 colours

Il fatto che al Mobile World Congress l’unica novità vera sia stata la presentazione del restyling di un prodotto di oltre 10 anni fa, porterebbe a riflettere sull’emergere forse di una nuova consapevolezza nel mercato, di un’esigenza di concretezza dopo l’ubriacatura di feature, parte delle quali si usano poco e parte mai perché uno smartphone non può sostituirsi a un PC o a un portatile. Ma non sembra poter essere così, non per questo 3310 almeno.

Se da un lato infatti HMD Global ne ha attualizzato l’iconico design adattandolo ai canoni contemporanei, non sembra aver fatto altrettanto da un punto di vista dei contenuti tecnici. Display più grande e a colori a parte infatti non sembra esserci nulla di attrattivo nel Nokia 3310 per il pubblico attuale, nemmeno per quello più snob e in cerca di qualcosa per distinguersi. C’è il browser web ad esempio, ma il chip è 2G, come quello montato sull’originale del 2000 e, Snake a parte non c’è altro. Se Nokia avesse trovato un modo per consentire l’utilizzo di WhatsApp e Facebook anche in assenza di un OS come Android allora, forse, questo nuovo 3310 poteva davvero essere vincente, ma così ci pare difficile.

Tra l’altro proprio la scelta del 2G con due bande di frequenza 900 e 1800 MHz, non consentirà di utilizzare e quindi commercializzare il Nokia 3310 in alcuni mercati come USA, Canada o Australia, in cui esse non sono più utilizzate. Nokia del resto ha creato questo smartphone soprattutto per i mercati emergenti, dove potrebbe vendere bene anche in ragione de suo prezzo irrisorio, in occidente però l’operazione, al di là del marketing non convince.

Gresso Presso 3310, il Nokia 3310 in titanio

E poi c’è lui, il Gresso Presso 3310, una versione in edizione limitata pensata per il mercato russo, che punta tutto sull’esclusività e il lusso. Un’operazione che in un certo senso si avvicina di più a quelle automobilistiche che abbiamo citato prima.

id562614 1id562614 1

Il Presso 3310 infatti sposa la leggendaria indistruttibilità dell’originale a una ricerca di esclusività, e propone dunque una scocca interamente in titanio, in grado di sopravvivere a un drop test da un’altezza di 10 metri. Le altre – poche – caratteristiche rese note dal produttore elencano un generoso spazio di storage pari a 32 GB, Bluetooth 3.0, fotocamera da 3 Mpixel, doppia SIM, autonomia di 30 giorni in standby e 75 ore in chiamata e connettività Internet EDGE e GPRS. Lo smartphone dovrebbe essere disponibile inizialmente in una tiratura limitata di 3310 unità (fantasiosi, eh?), dal costo inavvicinabile, ben 3000 dollari.

Insomma, come avrete capito questo nuovo Nokia 3310 di cui tutti parliamo resta per il momento un oggetto misterioso, attraente ma non abbastanza, vintage ma non fino in fondo e, in sintesi, di difficile collocazione. Finché non avremo sottomano i primi dati di vendita sarà difficile capire se si trattava solo di marketing o della risposta giusta al momento giusto a una nuova e magari ancora inespressa esigenza di mercato. Per tutto il resto potete sempre chiedere al supercomputer Pensiero Profondo.

Nokia 3310Nokia 3310 Nokia 3310

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close