• 4 Luglio 2022 10:17

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Morning bell: Cosa si aspettano i mercati

Giu 24, 2022

AGI – I mercati sono in rialzo e Wall Street si appresta chiudere in positivo la settimana per la prima volta da un mese. Gli investitori scommettono sulla capacità delle banche centrali di ridurre l’inflazione, anche se crescono i timori di recessione e questo spinge al ribasso i prezzi delle materie prime. Il rame arretra del 4,5%, ai minimi da 16 mesi. Giù del 2,67% l’alluminio e dell’1,7% il nickel. I future sul Wti recuperano sui mercati asiatici, dopo aver perso l’1,8% al Nymex, finendo sotto 105 dollari. Debole il Brent sotto quota 110 dollari. In Asia i listini avanzano e cosi’ anche i future a Wall Street e in Europa, mentre i rendimenti dei Treasury scendono ai minimi da due settimane.

“Per qualche mese – osserva Vincenzo Bova, strategist di Mts Capitalservice – i mercati tireranno il fiato, potranno rimbalzare un po’ ma senza andare troppo lontano”. In pratica il trend è ribassista, per cui il mercato, va su e giù ma non crescerà mai più di tanto e quando scenderà lo farà su nuovi minimi. Anche l’obbligazionario è instabile.

“I rendimenti dei bond in Europa e negli Usa – spiega Bova – continueranno a essere alti ma senza salire a rotta di collo. Un’inversione è difficile prima di settembre, nel frattempo prevedo dei movimenti laterali, cioè un mercato obbligazionario altalenante finchè non arriveranno dei dati che mostreranno un’inflazione in frenata e una crescita più debole. Ma dovremo lasciare che passi l’estate. A quel punto, probabilmente a settembre, sarà possibile un’inversione al ribasso dei tassi, non prima”.

Intanto sempre più banche d’investimento questa settimana hanno scommesso sulle probabilità di recessione, con Ubs che le ha rialzate al 69%, Citigroup al 50% e Goldman Sachs che ora ritiene che i rischi di recessione siano “più alti e più ravvicinati”.

La Borsa di Tokyo e quella di Shanghai avanzano di più di mezzo punto percentuale e quella di Hong Kong di quasi un punto e mezzo. In Giappone i prezzi al consumo crescono al 2,1% a maggio, tenendosi per il secondo mese consecutivo sopra il 2%. Questo mette pressione sulla Boj ma non sullo yen che scende sotto 135 dollari. Piatto l’euro stabilmente sopra 1,05 dollari. 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close