• 4 Agosto 2021 15:14

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Milano, Sala presenta la sua giunta: ecco assessori e incarichi

Giu 25, 2016

pronta la giunta del neo sindaco Giuseppe Sala. Con un giorno di anticipo rispetto a quanto annunciato una settimana fa, il primo cittadino di Milano ha presentato la sua squadra, con 12 assessorati e almeno due comitati di supporto alle attivit di Palazzo Marino (e tre deleghe che terr per s). Il punto di incontro fra il manager prestato alla politica e i partiti di maggioranza del centrosinistra una giunta formata da 6 assessori uscenti della giunta Pisapia (che si scambiano fra loro le competenze) e 5 nuovi ingressi, di cui 2 tecnici in ruoli chiave (Bilancio e Innovazione). Con cinque donne, di cui una nel ruolo di vicesindaca, per la “quota rosa”.

I ruoli nel dettaglio.

Il sindaco terr per s le deleghe alla societ partecipate, alla promozione internazionale e alle periferie. Per quest’ultimo incarico chieder il supporto a Mirko Mazzali, consigliere uscente di Sel, che avr quindi un incarico da definire.

La sua vicesindaca sar Anna Scavuzzo, consigliere del Pd durante l’amministrazione Pisapia, uno dei campioni di preferenze alle amministrative 2016, conosciuta a Palazzo Marino come una delle pi attive nell’attivit consigliare (e che per di pi vanta buoni rapporti con il premier Matteo Renzi). Manterr anche la delega per la Scuola e l’Istruzione.

L’assessorato al Bilancio va alla new entry Roberto Tasca, 54 anni, milanese, professore di Economia degli intermediari finanziari all’Universit di Bologna, che ha come punto di forza, ha ricordato Sala, “la presenza in vari cda e in organismi di vigilanza, oltre a essere stato consulente di alcune procure”.

L’Urbanistica e il Verde vanno a Pierfrancesco Maran (democratico di area renziana), assessore uscente ai Trasporti, che dovr sovrintendere ora al delicato incarico della rigenerazione urbana, puntando anche a riscrivere l’accordo con Ferrovie dello Stato per la riqualificazione degli ex scali ferroviari non approvato dalla giunta Pisapia.

La Mobilit e i Trasporti passano di mano a Marco Granelli (Pd), assessore uscente alla Sicurezza, che, sottolinea il sindaco, “dovr collaborare strettamente con l’assessorato all’Urbanistica”.

La Sicurezza viene invece affidata a Carmela Rozza, tra le pi votate del Pd, grande conoscitrice delle periferie e “importante – ha detto Sala – anche per il tema dell’integrazione”.

Cristina Tajani, altra donna molto votata e tra le sostenitrici della prima ora di Sala (per il quale ha consumato uno strappo con la lista Sel dove si era presentata 5 anni fa), stata riconfermata al Lavoro, prendendo anche una parziale delega al Commercio.

Altra importante conferma: Pierfrancesco Majorino, democratico della corrente sinistra dem, che rimane alle Politiche sociali come aveva chiesto. Majorino stato uno degli avversari di Sala alle primarie, a cui il sindaco ha riconosciuto “grande lealt nella campagna elettorale e competenza nel settore”. Filippo Del Corno viene confermato alla Cultura, mentre lo Sport e il Tempo libero viene affidato alla nuova assessora Roberta Guaineri, avvocato di Milano.

I Lavori pubblici e la Casa, che erano stati di Carmela Rozza con Pisapia sindaco, passano a Gabriele Rabaiotti, new entry in giunta, gi presidente della Zona 6 di Milano, a cui spetter il compito di trovare un raccordo con le municipalit in fase di costituzione.

Nasce l’assessorato alla Trasformazione digitale e ai Servizi Civici, una sorta di assessorato all’innovazione, affidato alla super tecnica Roberta Cocco, manager europea di Microsoft con alle spalle 25 anni di esperienza nel settore.

Ci sar anche l’assessorato alla Partecipazione e agli Open data (nome da definire), affidato a Lorenzo Lipparini, in quota Radicali, dopo che il partito ha insistito per avere un ruolo in giunta a seguito dell’apparentamento fatto per il ballottaggio.

Gli incarichi tecnici.

La vera novit che diventa capo di gabinetto (uno dei ruoli pi importanti nell’organigramma dell’amministrazione comunale) un giovane di 33 anni, Mario Vanni, avvocato, che nella campagna elettorale di Sala ha svolto un ruolo chiave coordinando la comunicazione e le attivit di promozione politica.

L’ex magistrato di Mani pulite Gherardo Colombo guider il comitato per la Trasparenza, mentre Emma Bonino avr un ruolo per le relazioni internazionali.

Manca ancora il tassello della direzione generale, che dovrebbe essere chiarito gi dopo la prima settimana di luglio, quando verr chiuso il bando per la ricerca di un manager esperto di materie economiche e di diritto amministrativo.

Dovrebbe infine essere riconfermato alle Relazioni istituzionali Gianni Confalonieri (che dovrebbe diventare anche commissario al post-Expo).

“Ho bisogno di persone che lavorino intorno alla giunta con competenze internazionali, affinch non ci sia pi una Milano a due velocit, quella del centro e quella delle periferie”, ha sottolineato il sindaco.

I prossimi appuntamenti

Sala spiegher meglio il lavoro della giunta e il senso di alcune deleghe la prossima settimana (probabilmente mercoled). La prima giunta verr convocata gioved, e in modo simbolico si svolger al quartiere Giambellino, tra i pi in difficolt soprattutto nel campo delle case popolari (da ricostruire). “Ma non solo un fatto simbolico, una giunta al mese sar itinerante, si svolger nei quartieri per dialogare con le persone”.

Infine parole di ottimismo sul Brexit: “La notizia non certo buona per l’Europa, ma Milano potr svolgere un ruolo importante nel mondo della finanza: potrebbe diventare una piazza finanziaria pi importante di Francoforte o Parigi”.

© Riproduzione riservata

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close