• 24 Giugno 2021 0:10

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Migranti, il Papa: «La più grave crisi umanitaria dopo la seconda guerra»

Set 17, 2016

la crisi umanitaria pi grave dopo la seconda guerra. Lo ha detto oggi il Papa, a proposito dei 65 milioni di profughi nel mondo oggi, incontrando gli ex alunni dei gesuiti, dopo un loro convegno su migrazione globale e crisi dei rifugiati. Anche se conflitti come quelli in Siria o in Sud-Sudan, ha detto,

sembrano irrisolvibili, bisogna farsi carico della tragedia umana dei rifugiati.

Papa visita neonati e malati terminali

Il Mediterraneo un cimitero

Un numero mai raggiunto prima di rifugiati – ha continuato Papa Francesco – muore tentando di attraversare il mar Mediterraneo, che diventato un cimitero, oppure trascorre anni e anni nei campi. Il Pontefice ha anche incoraggiato a dare il benvenuto ai rifugiati nelle vostre case e comunit, in modo che la loro prima esperienza in Europa non sia quella traumatica di dormire al freddo nelle strade, una accoglienza calda e umana.

Ospitalit sicurezza contro terrorismo

Ricordate che l’autentica ospitalit un profondo valore evangelico – ha aggiunto poi il pontefice – che alimenta l’amore ed la nostra pi grande sicurezza contro gli odiosi atti di terrorismo. Molte porte vi sono state aperte – ha aggiunto rivolgendosi agli ex alunni – grazie alla educazione ricevuta dai gesuiti, mentre i rifugiati trovano molte porte chiuse. E ha ricordato i bimbi profughi privi di educazione, cio di futuro.

Dialogare con l’uomo

Poi, incontrando i nunzi apostolici, Francesco ha parlato di un mondo nel quale non sempre facile individuare i centri di potere, e molti si scoraggiano pensando che siano anonimi e irraggiungibili; invece sono convinto che le persone siano ancora abbordabili; sussiste nell’uomo lo spazio interiore dove la voce di Dio pu risuonare. Dialogate con chiarezza – ha chiesto il Papa ai rappresentanti della diplomazia vaticana – e siate sicuri che la parola

ultima della storia e della vita non il conflitto, ma l’unit alla quale anela il cuore di ogni uomo.

Il mondo ha paura

Il mondo ha tanta paura, tanta paura, e la diffonde, spesso si fa di essa la

chiave di lettura della storia, e non di rado la adotta come strategia per costruire un mondo poggiato su muri e fossati. Ma noi non siamo commessi della paura, ha proseguito il Pontefice. Possiamo anche comprendere la ragione della paura, ma non possiamo abbracciarla. Andate, aprite porte, costruite

ponti, tessete legami, intrattenete amicizie, promuovete unit, ha concluso Francesco.

© Riproduzione riservata

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close