• 4 Ottobre 2022 22:53

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Marvel’s Luke Cage, l’orgoglio di Harlem

Ott 15, 2016

Il progetto Defenders, nato dalla collaborazione fra Marvel e Netflix, è ormai prossimo alla sua realizzazione: le due società stanno costruendo un universo composto da serie, ognuna incentrata su un singolo personaggio, che porteranno poi a un unico gruppo. Un meccanismo del tutto simile a quanto visto al cinema con The Avengers.

16 31 2001 812x522

16 31 2001 812x522

Dopo aver mostrato l’epico e oscuro mondo di Daredevil (prima e seconda stagione) e aver affrontato il delicato e psicologico noir di Jessica Jones, dal 30 settembre sulla piattaforma è presente l’intera prima stagione di Luke Cage.

Questo nuovo eroe ha la pelle (quasi) impenetrabile, e le sue avventure puntano sull’intrattenimento e sull’azione. La serie è più leggera, con risvolti umoristici, e appare legata a doppio filo con il patrimonio culturale e sociale del quartiere nero per eccellenza di New York: Harlem.

Già apparso come guest star in Jessica Jones, il possente e quasi invincibile Luke Cage (Mike Colter) vive alla giornata con lavori umili, nascondendo le sue abilità pur di trascorrere una vita tranquilla. Ma i problemi per un superuomo non tardano ad arrivare, e così il nostro resta coinvolto in un regolamento di conti di Cottonmouth, il boss criminale del quartiere. Arrivato involontariamente sotto i riflettori dei media, Luke diventa suo malgrado l’eroe e il protettore di cui il quartiere aveva disperato bisogno.

hero for hire luke cage smashes all in netflix s first trailer unveiled at comic con lu 1068165hero for hire luke cage smashes all in netflix s first trailer unveiled at comic con lu 1068165

La serie parte lentamente, con il protagonista intento a spazzare capelli nella bottega di un barbiere. Diventa subito chiara la differenza con gli altri personaggi dell’Universo Marvel: Luke non ha la vocazione da giustiziere e considera le sue abilità come una maledizione per sé stesso e chi gli sta attorno.

Fra tutti gli eroi Marvel, Colter interpreta uno dei personaggi più legati alla quotidianità, i cui problemi economici e relazionali sono temi ricorrenti nelle storie cartacee come nella versione filmica. Agli sceneggiatori va il nostro plauso: è sicuramente più facile scrivere trame avvincenti per un personaggio come Daredevil, potendo attingere da materiale originale praticamente illimitato, ma non è altrettanto scontato riuscire a farlo con Luke Cage.

Il personaggio basa la propria popolarità in buona parte sul black pride e i riferimenti a famose figure afroamericane, dunque su una specifica cultura. Coerentemente il cuore pulsante di Harlem è la comunità, che per la prima volta in questi serial risulta viva e realmente protagonista degli avvenimenti, e che sarà la forza propulsiva per il nostro eroe. Una notevole differenza rispetto all’anonima Hell’s Kitchen di Daredevil.

lc reviews pic

lc reviews pic

Ma come regge la storia per 13 puntate? Non troppo bene: al di là della forte caratterizzazione di Cage e di alcuni comprimari come la detective Misty (assolutamente uno dei personaggi femminili migliori degli ultimi anni), i cattivi risultano un po’ inconcludenti, sembrano guidati da una cattiveria smodata e tuttavia i loro tentativi di scalfire il protagonista risultano spesso infantili o addirittura patetici.

Nella seconda fase nella storia fa la sua apparizione il super-villain Diamondback, ma le cose non migliorano di molto, sebbene l’interprete riesca a catturare la scena con i suoi folli monologhi biblici. Le scene d’azione non mancano e sono ben realizzate, ma sono lontane dalle eccellenti coreografie in Daredevil.

Il fatto che Cage sia antiproiettile di certo rende le cose più difficili e meno spettacolari, così come il confronto con Matt Murdock, che è un esperto in arti marziali che affronta avversari alla sua altezza. Cage è decisamente un combattente formidabile, ma anche più grezzo. Narrativamente si produce quindi uno stallo, superato nella seconda metà della stagione; senza però eliminare del tutto l’impressione di assoluta disparità.

lukecagelukecage

Nonostante queste imperfezioni, Luke Cage è una visione consigliata sia ai fan dei fumetti – anche grazie al gran numero di easter egg – sia allo spettatore occasionale in cerca di puro intrattenimento. Allo stesso tempo conferma la difficoltà nel portare in formato seriale le gesta di supereroi minori. A questo punto non resta che aspettare The Iron Fist, il quarto e ultimo membro del gruppo, la cui serie è attesa per marzo 2017.

Marvel noir Luke CageMarvel noir Luke Cage Marvel noir Luke Cage
Jessica Jones. Alias: 1Jessica Jones. Alias: 1 Jessica Jones. Alias: 1
Daredevil Collection 1Daredevil Collection 1 Daredevil Collection 1

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close