• 2 Agosto 2021 13:04

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

SwimRunCheers, buona la prima

Ago 29, 2016

Attraversare due laghi a nuoto. E correre, correre. In una gara continua, senza pause, senza transizioni. Eravamo in 22 sabato scorso alla partenza dello SwimRunCheers, l’edizione zero. La prova di una gara durissima – prima volta in Italia su queste distanze – ma affascinante come poche, che si svolta tra Lago Maggiore e Lago di Mergozzo. Blu, verde e sole. Caldo, acqua. Fatica e polvere. Paura e sfida… Non era scontato arrivare in fondo n alla versione “Short” (per modo di dire) della gara, dove in 10 si sono cimentati: 27,5 km totali, suddivisi in 4 frazioni di nuoto (7mila metri totali) e 4 di corsa (20,5 km totali). N tantomeno alla versione Iron – io ero uno dei dodici iscritti: 17 frazioni alternate, per un totale di 39km, suddivisi in quasi 12metri di nuoto nel lago e 27 di corsa.

Avevamo il chip che calcolava i tempi di ogni partecipante, ma in una gara come questa non c’ un vincitore. Vincono tutti. Si vince se si arriva in fondo. In palio c’ una medaglia davvero particolare: un pezzo di roccia, di marmo di Candoglia, la pietra rosa con cui costruito il Duomo di Milano.

Quel pezzo di roccia che alla fine hai attaccato al collo vuol dire tante cose, vuol dire il legame con il territorio. Vuol dire anche che ce l’hai fatta ad arrivare in fondo e a vincere la tua personalissima sfida con questa strana, ma durissima gara. E che, in qualche modo, anche tu che hai tagliato il traguardo, un po’, un pochino, sei una roccia, “the rock”.

Lo SwimRun nato in Svezia, una manciata di anni fa, da una scommessa di un gruppo di amici che hanno provato ad attraversare a nuoto e di corsa tutte le isolette che sono davanti a Stoccolma. La Otillo, da gara per pochi, diventata l’appuntamento per eccellenza del movimento dei nuotatori-podisti. Riuscire ad avere uno slot per parteciparvi come vincere alla lotteria, l’equivalente nel triathlon di avere la possibilit di partecipare all’Ironman di Kona alle Hawaii.

E’ nata come gara per pochi intimi la Otillo, ma accanto ad essa ne sono nate altre, tanto da creare un circuito di gare di Swim Run, con una crescita degli appassionati vertiginosa, in breve tempo.

Quella di sabato scorso sul Lago Maggiore era il primo appuntamento di una gara su queste distanze in Italia. Per km e panorami non ha avuto niente da invidiare alla pi titolata gara svedese. E gli organizzatori sperano di rifarla il prossimo anno, dopo l’esperienza dell’edizione zero, sistemando e correggendo quello che c’ da sistemare. Sperano anche di riuscire a replicare quanto accaduto in Svezia, dove dai 15 della prima edizione si passati ai 500 e pi del secondo anno, fino a dover mettere un tetto alle iscrizioni perch non si riesce a far partecipare tutti quelli che lo chiedono, oltre un certo numero.

La SwimRun tra Lago Maggiore e Lago di Mergozzo si chiama Cheers perch in premio oltre alla medaglia “di roccia” c’ anche il cheers, un brindisi alla salute di chi arrivato ed riuscito nell’impresa: tutti quelli che tagliano il traguardo hanno diritto da regolamento a “idratarsi” con le birre, fino a quanto ne hanno voglia. Si perch accanto alla gara si svolto un Festival di due giorni dedicato alla degustazione di birre artigianali – con oltre 50 birre prodotte da piccoli birrifici piemontesi, lombardi e liguri – e a cibo di qualit, street food a cura di chef dei ristoranti del Lago Maggiore.

La difficolt dello SwimRun data dal fatto che si corre con la muta e si nuota con le scarpe. Nuotare con le scarpe significa in pratica che non si riesce a usare le gambe: inutile muoverle. Si un po’ nelle stesse condizioni di un nuotatore paralimpico, categoria s6 o S7, che non ha l’uso delle gambe. Per riuscire a stare a galla si usa un Pullboy legato a una gamba con un elastico. E si procede con le palette nelle mani, spingendo tutto di braccia. Nuotare cos molto pi faticoso che avanzare, come ad esempio si fa nell’Ironman o nelle traversate, solo con la muta, mani e piedi. E quando si esce fuori si corre bagnati e si continua a correre anche a lungo, di solito su percorsi impervi pi simili a trail che a corse podistiche.

La particolarit della SwimRunCheers era anche nel percorso. Nella versione Iron gli atleti hanno attraversato il Lago Maggiore da Pallanza fino a Stresa, passando dall’Isola Madre, l’Isola dei Pescatori e l’Isola Bella. Per la prima volta nella storia una gara sportiva passata nelle Isole Borromee, attraversando i loro parchi botanici tra i pi belli d’Italia che conservano piante rare, vecchie anche di 300 anni. Da Stresa si saliva in alto verso la frazione di Someraro, dove si apre uno degli scorci pi belli del Lago Maggiore e dove a vista d’occhio gli swimrunner hanno potuto vedere quello che avevano appena percorso.

Da Someraro si scendeva a Baveno dove si riprendeva a nuotare fino ad uscire all’altezza del Parco di Villa Fedora. Da l si risaliva fino al bosco, sotto alla cava di granito di Baveno: nel bosco era impossibile correre, si avanzava di passo, come in un trail nei tratti pi impervi, tra muri da salire a mani e piedi, tronchi e rami da superare, un fiume da attraversare.

Passato il bosco si scendeva costeggiando la Cava fino a rientrare in fondo al Lago Maggiore d alla frazione di Feriolo da dove ci si ributtava in acqua per nuotare un altro tratto di oltre mille metri che attraversa la foce del fiume Toce e le sue gelide acque. Usciti all’altezza del Camping Continental di Mergozzo, gli atleti hanno attraversato di corsa il campo da golf e il Sentiero azzurro che passa nel bosco che costeggia il lago, superando un tratto di salita davvero impegnativo, fino ad arrivare sull’altro versante, all’altezza di Mergozzo. Da qui di nuovo in acqua per percorrere in lungo il tratto che riportava gli atleti al campeggio (circa 2,7 km) per poi rientrare al Lago Maggiore fino alla partenza, non dopo aver nuotato attorno all’isolino di San Giovanni, quello che si vede a pochi metri dalla costa di Pallanza-Verbania.

La gara stata organizzata ponendo molta attenzione alla sicurezza e alla assistenza in acqua: durante le frazioni di nuoto tutti gli atleti sono stati seguiti da barche o canoe. Diversi i ristori a base di gel e barrette e tanti i volontari che hanno dato forza e tifato per gli swimrunners, dal primo all’ultimo, durante tutta la gara. Non stato facile bloccare per cos tanto tempo il traffico dei traghetti, in un periodo estivo con tanti turisti in giro per le Isole Borromee. E non tutti gli atleti sono riusciti a completare il percorso con il “giro d’onore” dell’isolino, gli ultimi 400 metri di nuoto davanti all’arrivo, perch a un certo punto, superato il tempo massimo previsto, ripresa la navigazione dei battelli. Cos qualcuno ha concluso la gara tagliando il traguardo, con un po’ di amaro in bocca. E la voglia gi di riprovarci.

Una macchina organizzativa complessa quella dello SwimRunCheers che ha coinvolto attivamente i Comuni di Verbania, Stresa, Baveno e Mergozzo, la Societ di navigazione del Lago Maggiore, i Vigili del fuoco, la squadra nautica della Polizia, la Croce rossa italiana e i canoisti della Polisportiva Verbano, tra cui c’era anche l’olimpionico Carlo Tacchini appena tornato da Rio, a fare volontariato assieme ai compagni di squadra.

Se avete voglia di provare una sfida estrema, diversa da tutte le altre, segnatevi sull’agenda per il prossimo anno l’appuntamento con lo SwimRunCheers del Lago Maggiore.

© Riproduzione riservata

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close