• 28 Settembre 2021 21:45

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Doping, Wada: Hacker russi diffondono dati di altri atleti

Set 15, 2016

giovedì 15 settembre 2016 10:16

ROMA – L’Agenzia mondiale antidoping (Wada) afferma che gli hacker russi “Fancy bears” hanno reso pubblico un altro lotto di informazioni riservate di atleti proveniente dal suo database Adams (Anti-doping administration and management system). In un comunicato pubblicato nella tarda serata di ieri sul suo sito web, la Wada spiega che i dati hackerati riguardano 25 atleti di otto paesi tra cui Stati Uniti, Germania e Gran Bretagna. In particolare, le informazioni diffuse dagli hacker russi riguardano dieci atleti statunitensi, cinque tedeschi, cinque britannici, uno della Repubblica Ceca, uno della Danimarca, una della Polonia, uno della Romania e anche un atleta russo. Come comunicato il 13 settembre – spiega la Wada -, il gruppo ha illegalmente ottenuto l’accesso ad Adams tramite un account del Comitato olimpico internazionale (Cio) creato per le Olimpiadi di Rio 2016, che contiene dati medici confidenziali quali le esenzioni a fini terapeutici fornite dalle Federazioni sportive internazionali (Isf) e dalle Organizzazioni nazionali antidoping (Nado). E che ora il gruppo di hacker sta pubblicando a tranche. «La Wada non ha alcun dubbio che questi attacchi in corso siano una rappresaglia contro l’Agenzia e il sistema anti-doping mondiale, a causa della nostra indagine indipendente che ha mostrato il doping sponsorizzata dallo Stato in Russia», afferma il direttore generale Olivier Niggli.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close