• 14 Maggio 2021 10:06

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Grottaferrata, Tiraboschi: «Guardiamo in alto»

Mar 1, 2017

mercoledì 1 marzo 2017 17:00

GROTTAFERRATA – Il Grottaferrata calcio Stefano Furlani fa valere ancora una volta la legge del Comunale. La squadra d Davide Vicale ha vinto la settima partita casalinga consecutiva in campionato (a cui bisogna aggiungere le due di Coppa, compresa quella prestigiosa di mercoledì scorso col Sora) e lo ha fatto piegando la W3 Roma Team per 2-1 grazie al gol di Francesco Tiraboschi a una manciata di minuti dal fischio finale. «Un successo meritato – dice l’attaccante classe 1990, al suo secondo sigillo stagionale – In precedenza avevamo colpito un palo e creato occasioni importanti per andare in vantaggio, poi è arrivato il mio gol». Il Grottaferrata calcio Stefano Furlani era passato in vantaggio con la rete di Simonetti nel corso della prima frazione, poi nella ripresa gli ospiti erano pervenuti al pareggio prima del colpo vincente firmato Tiraboschi che tra l’altro è al primo anno di militanza con la maglia del Grottaferrata, ma ha avuto un rapporto speciale con Stefano Furlani. «Siamo cresciuti insieme fin da quando avevamo cinque anni e quindi anche con la presidentessa Claudia Furlani ci conosciamo da tempo. Il ricordo di Stefano e la conoscenza con la stessa Claudia e il ds Alberto Piancatelli mi ha portato ad accettare subito di vestire questa maglia». E non solo, considerato che Tiraboschi ha anche preso in carico un gruppo della Scuola calcio arancionero, vale a dire quello dei Piccoli Amici 2008. «Avevo già fatto un’esperienza simile a Grottaferrata e quindi avevo conosciuto anche l’attuale responsabile del settore giovanile Andrea Borsa e quando me lo hanno proposto ho aderito molto volentieri»

TUTTO SUI DILETTANTI LAZIO

ESAME VERITA’ – Tornando alle questioni della Prima Categoria, Tiraboschi parla del prossimo futuro. «Domenica avremo una gara sul campo della Virtus Divino Amore che ci dirà chi siamo perché in trasferta non abbiamo reso come in casa forse per mancanza di esperienza o cattiveria agonistica, ma possiamo guardare in alto. E poi c’è sempre il quarto di ritorno di Coppa Lazio a Sora di mercoledì prossimo dove proveremo a dare battaglia e a far fruttare il 2-0 della sfida d’andata».

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close