• 25 Luglio 2021 6:11

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Batistuta: «Totti fa godere l’Italia»

Ott 4, 2016

Andrea Ramazzotti

martedì 4 ottobre 2016 02:18

MILANO – Gabriel Batistuta esalta l’ex compagno Francesco Totti con il quale ha vinto uno scudetto alla Roma. Intervistato all’interno del programma “Tiki Taka – Il calcio è il nostro gioco”, il talk show sportivo condotto da Pierluigi Pardo e in onda su Italia 1, l’argentino non ha avuto incertezze: “Da una parte mi fa molto piacere vederlo giocare perché continua a dare gioia ai tifosi; dall’altra ammetto che mi fa rabbia perché io ho smesso da un bel po’ mentre lui continua. Poi però penso a tutti i tifosi e al calcio italiano che godono delle sue giocate e questa è una bellissima cosa”. A ruota sullo scudetto vinto con i giallorossi: “Abbiamo confermato di essere i campioni nella sfida di ritorno con il Parma, ma lo scudetto l’abbiamo vinto all’andata, al Tardini: lì abbiamo fatto a vedere a tutti che c’eravamo e che li avremmo battuti. È stata una cosa bellissima perché la Roma era tanto che non vinceva. Quando sono andato a Roma nessuno credeva in noi, pensavano l’avessi fatto per i soldi, invece io sapevo che mancava qualcosa e che quel qualcosa potevo essere io. Potevo essere la soluzione. È stata una scommessa che ho vinto”.

FIORENTINA ED EDMUNDO – Ieri Batigol è diventato cittadino onorario di Firenze: “Mi sono emozionato e non poco. Mi sono detto di non piangere, ma non ci sono riuscito. Mi sono sempre sentito fiorentino e questo riconoscimento è un grande orgoglio per me. I tifosi mi hanno sempre voluto bene e hanno sempre rispettato la mia privacy e forse anche per questo mi è piaciuto questo ambiente, perché potevo concentrarmi in serenità sul calcio. Lo scudetto che avremmo potuto vincere nel 1998-99? Penso che avremmo lottato fino alla fine: eravamo in una posizione ottima e io stavo facendo un sacco di gol. Solo un infortunio grave come quello poteva fermarmi. In quel campionato ce la saremmo giocata fino alla fine e forse avremmo avuto le chances per vincerlo. Siamo stati sfortunati per il mio infortunio e perché Edmundo doveva andare a ballare a Rio. A tutti piace ballare, ma bisogna avere delle responsabilità, firmiamo un contratto e gli impegni vanno rispettati”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close