• 21 Ottobre 2021 23:31

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

La Ue aspetta il Def ma il giudizio che conta è quello sulla manovra

Set 27, 2016

BRUXELLES – La Commissione europea sta aspettando il documento economico e finanziario (Def) del governo italiano prima di prendere posizione sul futuro dei conti pubblici e in particolare del bilancio per il 2017. Solo con le cifre in mano possiamo capire quanta nuova flessibilit di bilancio Roma vorrebbe ottenere, spiegava questa mattina un esponente comunitario. In origine, l’Italia si era impegnata a ridurre l’anno prossimo il deficit nominale all’1,7% del Pil.

La partita eminentemente politica, pi che tecnica. L’Italia ha goduto tra il 2015 e il 2016 di flessibilit di bilancio per un totale di 19 miliardi di euro, imputandola alle tre clausole previste dalle linee-guida comunitarie: riforme economiche, investimenti strutturali e rallentamento economico.

Le regole prevedono esplicitamente che il paese non possa godere di ulteriore flessibilit. Il governo sta cercando di strappare concessioni per via delle spese legate al terremoto di agosto e all’emergenza rifugiati.

Parlando oggi al sito di notizie americano Politico, il commissario agli affari economici Pierre Moscovici ha ribadito che le regole comunitarie sono sufficientemente flessibili, ma che vanno applicate pienamente. Non ha voluto prendere posizione sull’Italia. Perch? Probabilmente perch il Def non il passaggio che Bruxelles considera cruciale in questa vertenza. La partita vera si giocher sulla Finanziaria dell’anno prossimo, attesa entro il 15 ottobre.

Una volta che riceveremo il Def – spiega l’esponente comunitario – faremo una analisi compiuta del documento e capiremo quanta nuova flessibilit di bilancio il governo italiano vorrebbe ricevere per le varie poste: il terremoto, i rifugiati, eccetera.

In generale, non c’ la volont di punire l’Italia in questa circostanza: l’establishment comunitario consapevole del delicato passaggio politico. Il governo Renzi ha indetto per dicembre un referendum costituzionale dall’esito incerto. Parlare di cifre in questo momento non facile. L’Italia dovrebbe ridurre il deficit nominale all’1,7% del Pil nel 2017, rispetto al 2,3-2,5% previsto nel 2016. Voci non confermate affermano che la Commissione europea potrebbe permettere al paese di aumentare il disavanzo al 2% del Pil. Bruxelles deve trovare un equilibrio tra le necessit politiche ed economiche dell’Italia e il rispetto delle regole di bilancio contenuto nel Patto di Stabilit e di Crescita.

© Riproduzione riservata

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close