• 19 Agosto 2022 22:58

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

LA FORZA DI SEMPLICI E PECCHIA E LA CRISI DI COLANTUONO

Apr 22, 2017

di Tullio Calzone

domenica 23 aprile 2017 01:28

FROSINONE SORPRESO – L’accelerazione che tutti auspicavano è arrivata al momento opportuno. E ha finito per sorprendere il Frosinone. Eh sì. Perché se la Spal piega con la forza un orgogliosissimo Latina e allunga le mani sulla A e il Verona sbanca il San Nicola costringendo quasi alla resa Colantuono, per la prima volta ko in casa durante la sua controversa gestione, è proprio la compagine di Marino a pagare un pesantissimo dazio. Dionisi e compagni non vincono da 5 giornate e, dopo il blitz di Ferrara, hanno conquistato appena 3 punti, pareggiando a Cesena, con l’Avellino in casa e ad Ascoli, perdendo le ultime due partite, con il Novara al Matusa e a Terni. Una crisi proprio sul viale del traguardo, quando sarebbe stato necessario, appunto, accelerare. Molto probabilmente, è stato questo il limite dei ciociari durante l’intero arco della stagione: l’incapacità di arrivare sino in fondo alle partite e di chiuderle. Un limite che potrebbe ora costringere la squadra giallazzurra ai play off, un rischio ancora scongiurabile, con uno scatto d’orgoglio che a Terni non s’è neppure immaginato.

IL BARI E LA STREGA – Non sembra essere nelle condizioni di immaginare gli spareggi promozione neppure questo Bari che si sta sbriciolando tra le mani di Colantuono. Il tecnico ha perso i suoi uomini migliori non riuscendo a recuperare alla causa altri protagonisti scivolati ai margini della squadra. Al di là delle singole responsabilità, il fatto è che quando sei costretto a rincorrere gli obiettivi non sempre le energie fisiche e mentali bastano. Dosare le risorse in B è indispensabile. Questa regola violata sembra limitare il Benevento di Baroni. Questione di organico, che la facoltosa società sannita ha fatto male a non arricchire. Ma anche di sviste arbitrali, come è apparso evidente nell’anticipo col Vicenza per un rigore clamorosamente negato e che avrebbe potuto consentire alla Strega di difendere il prezioso 4º posto. Nulla è perduto, ma un torneo così bello e avvincente merita un finale ad armi pari.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close