• 23 Giugno 2021 20:53

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Serie A, Milan-Genoa 0-0: rosso a Bonucci, Montella traballa

Ott 22, 2017

domenica 22 ottobre 2017 16:45

ROMA – Sprofondo rosso. Il Milan continua a deludere e a fallire occasioni per riportarsi a ridosso delle prime posizioni, crollando in classifica al nono posto a -12 dalla vetta del campionato. Contro il Genoa arriva un pareggio, il primo del campionato, dopo tre sconfitte consecutive: un pareggio ottenuto con settanta minuti giocati in inferiorità numerica per l’espulsione a Bonucci che ha cambiato il volto alla partita e che lascia Montella in una posizione traballante.

BONUCCI ESPULSO DOPO 22′ COL VAR – Parte forte il Milan, spinto dall’entusiasmo di San Siro: prima Calhanogu di testa, poi Biglia (sballato) e Borini tentano la conclusione senza trovare fortuna. Replica Galabinov che mette paura a Bonucci in area, poi scarica per Taarabt senza la giusta precisione. Le linee offensive di Montella vengono tracciate da Suso e Bonaventura, mentre il Genoa controlla lucido e cerca di ripartire. Al 22′ però la partita prende una piega decisamente inattesa: punizione di Calhanoglu in area, Zapata non arriva per un soffio sulla sfera mentre poco più lontano Rosi va a terra e ci resta, sanguinante. Le immagini televisive chiariscono l’accaduto: Bonucci, in proiezione offensiva, piazza una gomitata in pieno volto all’avversario e Giacomelli, dopo aver rivisto l’azione col VAR, non può fare altro che tirare fuori il cartellino rosso. Milan in 10, Montella richiama Calha e inserisce Romagnoli, San Siro ammutolito e spaventato. Fascia a Biglia.

Bonucci è davvero diventato il leader del Milan: si toglie dal campo senza aspettare che lo faccia Montella.#MilanGenoa

— Unfair Play (@unfair_play) 22 ottobre 2017

ESCE FUORI IL GENOA – Erano più di cinque anni che Bonucci non rimediava un’espulsione, l’ultima in un Bologna-Juventus del marzo 2012. E proprio contro la Juve il grande ex della sfida con ogni probabilità non potrà esserci. Nonostante l’inferiorità numerica, comunque, il Milan non smette di attaccare, ma il finale di tempo è di marca genoana: prima uno scambio Rigoni-Rosi, con il cross per Galabinov che non arriva di un niente sul primo palo a insaccare il pallone, poi è Taarabt a illuminare la manovra della squadra di Juric servendo Rigoni sull’inserimento in area, il colpo di testa del centrocampista è angolato ma Donnarumma non si fa sorprendere bloccando a terra il pallone.

DENTRO LAPADULA. KESSIE ALLA WEAH, LISCIO KALINIC – Si riparte con Bonaventura che mette in mezzo un pallone velenoso sporcato da Rossettini in maniera goffa, rischiando l’autorete. Juric richiama Rosi, che rischia il rosso colpendo Borini un minuto prima, e Galabinov per inserire Lazovic e Lapadula, terzo ex rossonero che si aggiunge a Bertolacci e Taarabt. Ad avere il pallone buono è però Kalinic, servito da Suso e neutralizzato al momento di concludere da un disperato intervento di Izzo. Replica in maniera pericolosa il Genoa, con Bertolacci che di destro fa sibilare la sfera a un niente dall’incrocio dei pali di Donnarumma. Partita apertissima: Perin blocca un pallone complicato a ridosso della linea di porta, Romagnoli e Zapata mettono più di una pezza sui palloni che piovono in area per Lapadula, Kessie al 65′ si sente Weah e si lancia in contropiede da area ad area, concludendo sul primo palo ma sull’esterno della rete. Montella è costretto a richiamare Bonaventura, infortunato, per inserire Calabria. Suso per Kalinic, si rinnova l’asse milanista: palla perfetta dello spagnolo ma il numero 7 sbaglia completamente il controllo solo davanti al portiere.

Serie A, Milan-Genoa 0-0: rosso a Bonucci, Montella traballa

FISCHI A KALINIC. CUTRONE NON BASTA – Bonucci guarda dalla tribuna un Suso inarrestabile: altro pallone messo in area per Borini che conclude a botta sicura addosso a Rossettini. Taarabt inventa mettendo Lapadula da solo davanti a Donnarumma ma Zapata riesce a riprendergli i metri necessari a neutralizzarlo. Montella inserisce Cutrone per Kalinic, fischi impietosi per il titolare e applausi per il baby che però non riesce a togliere le castagne dal fuoco al suo tecnico, che si infila scuro in volto nel tunnel degli spogliatoi al triplice fischio finale: la sua posizione è sempre più traballante.

CLASSIFICA SERIE A

MILAN-GENOA 0-0: CRONACA, TABELLINO, STATISTICHE

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close