• 22 Giugno 2024 7:19

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

iPhone X: Apple licenzia un dipendente per il video non autorizzato della figlia – Blasting News

Ott 29, 2017
Pubblicità
Pubblicità

#Apple avrebbe licenziato un proprio dipendente a seguito del video pubblicato su #Youtube dalla figlia di quest’ultimo, Brooke Amelia Peterson, che ha mostrato in anteprima un hands-on di iPhone X[VIDEO]. L’ingegnere – vincolato a un accordo di non divulgazione – ha lavorato presso Cupertino per circa quattro anni e contribuito alla realizzazione dei circuiti wireless e a radiofrequenza dello smartphone. Tim Cook e i dirigenti dell’azienda non hanno ancora risposto alle domande inoltrate dalla stampa circa la conferma dell’effettivo licenziamento dell’impiegato, che comunque sarebbe motivato dalla violazione delle restrizioni del contratto.

Pubblicità

Non è la prima volta che le immagini d’un iPhone[VIDEO] escono dal campus di Cupertino: in passato sono stati addirittura trovati degli smartphone dimenticati dai dipendenti. Questa volta, però, il video della ragazza – che su YouTube è stato subito ripreso dalla stampa specialistica – è diventato virale, prima che Apple riuscisse a chiederne la rimozione. Il danno è stato tanto più grave perché nel filmato comparirebbero dei nomi in codice di prodotti che l’azienda non ha ancora annunciato ufficialmente, oltre al codice QR personale di Peterson.

Pre-ordine e uscita di iPhone X in Italia

Nel frattempo, #Iphone X è pre-ordinabile anche nel nostro Paese a partire da 1.189,00 € in argento o grigio siderale nella variante da 64Gb di memoria interna oppure a 1.359€ in quella da 256 Gb sul negozio virtuale di Apple.

Pubblicità

La consegna e l’uscita dello smartphone presso gli Apple Store e i distributori autorizzati sono previste dal prossimo 3 novembre. Nonostante le polemiche suscitate [VIDEO] dal nuovo modello è probabile che rivedremo le tipiche code che caratterizzano l’arrivo degli ultimi dispositivi di Cupertino.

Face ID e rumor sull’accuratezza in iPhone X

Uno degli aspetti più controversi dell’uscita di iPhone X riguarda l’accuratezza del sistema di sblocco dello smartphone: Apple, annunciando il Face ID, ha alimentato delle indiscrezioni per cui la qualità delle immagini sarebbe stata ridotta per immettere un numero maggiore d’unità sul mercato. La notizia è stata prontamente smentita da Cupertino, alla vigilia dei pre-ordini, perché gli ingegneri avrebbero soltanto velocizzato il riconoscimento facciale durante i test del meccanismo — riportandolo a un livello qualitativo superiore una volta ultimate le prove.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close