• 2 Ottobre 2022 17:58

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Diretta serie A, Napoli-Lazio: probabili formazioni e tempo reale alle 20.45

Nov 5, 2016

sabato 5 novembre 2016 09:31

NAPOLI – Dopo il buon pari di Istanbul in Champions League, il Napoli ha la necessità di vincere domani per riprendere una marcia in campionato che è stata balbettante nell’ultimo mese con tre sconfitte e due vittorie nelle ultime cinque gare: uno score che ha visto gli azzurri scivolare al quinto posto in classifica. Se l’imperativo è invertire la marcia, Mertens è l’uomo giusto con le sue accelerazioni e i suoi dribbling. Il belga è ormai diventato una pedina indispensabile nel gruppo di Sarri, che può usarlo nel suo ruolo naturale di esterno sinistro d’attacco o in quello di falso nueve: “Sono soddisfatto di questo avvio di stagione – ha detto il belga – perché sto giocando di più. Ho sempre avuto questa carica dentro ma quest’anno sta emergendo meglio perché gioco con continuità e posso dare il massimo”. Mertens è cresciuto molto nelle ultime due stagioni e ha dimostrato in questi primi mesi di poter essere il trascinatore del Napoli, come Hamsik e Reina. Ottimi i suoi numeri, con sei gol e altrettanti assist tra campionato e Champions, ma ottimo anche l’impatto costante sul gioco, con la sua mobilità, la capacità di puntare l’avversario e dialogare nello stretto con i compagni.

LE PROBABILI FORMAZIONI

NAPOLI (4-3-3): Reina, Hysaj, Chiriches, Koulibaly, Ghoulam, Allan, Diawara, Hamsik, Callejon, Mertens, Insigne. Allenatore: Sarri.

LAZIO (3-5-2): Marchetti, Basta, Wallace, Radu, Felipe Anderson, Parolo, Biglia, Milinkovic, Lulic, Immobile, Keita. Allenatore: Simone Inzaghi.

LAZIO, DIFESA ELASTICA – Difesa a tre oppure a quattro? Tutte e due. Sì, avete capito: Inzaghi alternerà l’assetto tattico della linea difensiva (a tre oppure a quattro) durante la partita. Dipenderà dai momenti, dalla fase di gioco, dalle interpretazioni. Basta a destra dovrà appiccicarsi a Insigne (o Mertens se giocasse Gabbiadini) e coprire le spalle a Felipe che costringerà Ghoulam a non sbilanciarsi. Un po’ attaccante e un po’ centrocampista, non terzino. Inzaghi ha recuperato Biglia. Lo terrà basso, davanti alla difesa. Non aveva intenzionato di togliere Milinkovic, come lui stesso ha spiegato, perché ha cambiato marcia rispetto all’anno scorso e lo considera tra gli insostituibili. Se a Felipe toccherà il lavoro che Spalletti aveva assegnato a Perotti nella sfida con Sarri, Lulic si muoverà come Florenzi. Ecco l’altra chiave. Un po’ terzino e un po’ centrocampista. Più arretrato di Felipe. Questo è anche l’unico modo per giocare con tre centrocampisti. Milinkovic farà sentire i suoi muscoli al piccolo Allan, Parolo dovrà marcare la guardia e gli inserimenti di Hamsik. Davanti Keita e Immobile. Spesso li vedremo in verticale, uno dietro all’altro, con il senegalese a muoversi davanti a Diawara (o Jorginho). L’obiettivo è togliere il fraseggio al Napoli con aggressività e duelli individuali in ogni zona del campo. La difesa può essere un’incognita, ma la sensazione è che Inzaghi l’abbia preparata alla grande. Andiamo a vedere.

Leggi l’articolo completo sul CorrieredelloSport-Stadio in edicola

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close