• 14 Giugno 2024 17:05

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Tutte le facce della Juventus: Allegri cambia di continuo

Nov 24, 2017

di Alberto Polverosi

venerdì 24 novembre 2017 09:33

ROMA – Mercoledì sera era stato subito chiaro l’intento di Allegri, peraltro identico a quello del suo collega Valverde: non prendere gol. Solo le ragioni erano diverse. All’allenatore del Barcellona lo 0-0 bastava per qualificarsi agli ottavi con un turno d’anticipo e conquistare aritmeticamente il primo posto del girone. Serviva un pareggio, andava bene anche un 2-2, anche un 3-3. Ad Allegri no, voleva proprio lo 0-0 per ripartire da lì, come ha detto senza alcun rossore nel dopo-partita. Troppi gol presi, troppe leggerezze, troppe disattenzioni in difesa per una squadra che, chiamandosi Juventus, ha nella sua natura un’essenza di assoluta solidità. La Juve di questi tempi ad Allegri deve sembrare illogica. E con l’obiettivo fisso di non prendere gol, l’ha schierata con la difesa a tre bloccata (o meglio, con tre difensori centrali che non si sono mossi dalla linea difensiva) per arrivare alla fine con gli stessi tre difensori e ben quattro mediani. Max, anche se non è un maniaco della tattica, ha una certa passione per i cambiamenti d’assetto. Aveva ereditato da Conte la difesa a 3, dopo un certo periodo l’ha alternata con la difesa a 4 e l’anno scorso, incassata la sconfitta di Firenze, è passato al 4-2- 3-1. Quest’anno, l’alternanza era fra i tre mediani (4-3-3) e i tre trequartisti (4-2-3-1), prima di tornare ai 3 dietro.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close