• 13 Giugno 2024 13:17

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Il Russiagate colpisce anche il mercato, brusco calo a Wall Street

Dic 1, 2017

MILANO – Ore 10.20. Dura poco la fase positiva delle Borse europee. A un’ora dall’avvio delle contrattazioni tutti i listini scivolano in negativo. La peggiore è Milano che perde l’1%, con Fca in particolare in deciso calo, così come i titoli del comparto tecnologico, appesantiti dal downgrade di Morgan Stanley sul settore. Nel resto d’Europa Londra scende dello 0,14%, Francoforte caladello 0,72% e Parigi dello 0,69%

Sui mercati valutari in rialzo l’euro, che viene scambiato a inizio seduta a 1,1920 dollari. Si stabilizza la sterlina a 1,3522 dollari.

La giornata macro si apre con le statistiche dal Giappone su inflazione, consumi, disoccupazione e pmi manifatturiero. Quest’ultimo indice è atteso anche per Cina, Francia, Germania, Eurozona e Gran Bretagna. In coda, l’indice ism manifatturiero Usa, le spese per costruzioni e le vendite di autoveicoli negli stati uniti. In italia l’Istat aggiorna i dati sul debito pubblico e diffonde la seconda lettura del pil italiano nel terzo trimestre, Bankitalia quelli sul fabbisogno.

Prezzo del petrolio stabile sui mercati asiatici dopo l’intesa a Vienna tra i 24 Paesi produttori Opec e non Opec per il prolungamento dei tagli alla produzione fino alla fine del 2018. I contratti sul greggio Wti con scadenza a gennaio guadagnano lo 0,3% a 57,58 dollari al barile; il Brent sale dello o,4% a 1.275 dollari al barile. Quotazioni dell’oro poco mosse in Asia dove il lingotto con consegna immediata passa di mano a 1.275 dollari l’oncia (+0,07%).

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close