• 3 Dicembre 2021 11:43

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Il nuovo record del debito pubblico italiano

Ott 16, 2021

AGI –  Nuovo record del debito pubblico ad agosto. Il dato, segnala la Banca d’Italia, si è attestato a 2.734,4 miliardi, in crescita di 8,5 miliardi rispetto al mese precedente.

L’avanzo di cassa delle Amministrazioni pubbliche (10,7 miliardi), spiega via Nazionale, è stato più che compensato dall’aumento delle disponibilità liquide del Tesoro (18,9 miliardi, a 139,7) e dall’effetto degli scarti e dei premi all’emissione e al rimborso, della rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione e della variazione dei tassi di cambio (0,4 miliardi).    

Il debito e il fabbisogno delle Amministrazioni pubbliche includono anche la quota del prefinanziamento relativa ai prestiti erogati dalla Commissione europea lo scorso 13 agosto nell’ambito del Dispositivo di ripresa e resilienza (Recovery and Resilience Facility, Rrf; 15,9 miliardi).

Alla fine del mese i prestiti (Sure e Rrf) erogati dalle istituzioni europee al nostro Paese ammontavano nel complesso a 43,4 miliardi. 

Quanto ai sottosettori, il debito delle Amministrazioni centrali è aumentato di 9,0 miliardi, mentre quello delle Amministrazioni locali è diminuito di 0,5 miliardi; il debito degli Enti di previdenza è rimasto stabile.

Rispetto al mese precedente, la quota del debito detenuta dalla Banca d’Italia è cresciuta leggermente (dal 23,4 al 23,5 per cento); la vita media residua è aumentata a 7,6 anni.    

Quanto alle entrate, ad agosto quelle contabilizzate nel bilancio dello Stato sono state pari a 44,9 miliardi, in lieve aumento (0,6 per cento; 0,3 miliardi) rispetto al corrispondente mese del 2020.

Nei primi otto mesi del 2021 le entrate tributarie sono state pari a 288,2 miliardi, in aumento dell’11,5 per cento (29,8 miliardi) rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Oltre al più favorevole quadro macroeconomico, afferma Bankitalia, tale incremento riflette l’effetto di alcuni fattori straordinari tra i quali gli slittamenti di alcune imposte di competenza del 2020.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close