• 24 Gennaio 2022 21:21

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Il giallo del professore universitario ucciso con un colpo alla testa a Tarquinia

Dic 8, 2021

AGI – Era sposato con una veterinaria e aveva due figli Dario Angeletti, biologo marino e professore associato dell’Università della Tuscia che è stato probabilmente ucciso nel pomeriggio del 7 dicembre. Le indagini dei carabinieri, che hanno acquisito le immagini delle telecamere di sorveglianza, si stanno concentrando sulla pista dell’omicidio. Già verso mezzanotte sono partite le prime perquisizioni.

Ascoltati anche un testimone, e nelle prossime ore verranno sentiti anche amici e parenti. Lo scopo è quello di conoscere qualcosa in più riguardo la vita del professore raccogliendo elementi utili a comprendere le cause della morte

Dolore e sgomento intanto a Tarquinia. Oggi saranno sospese le cerimonie di celebrazione dell’Immacolata e l’accensione delle luminarie. “Siamo sconvolti – ha detto il sindaco Alessandro Giulivi – Tarquinia da alcune ore sta vivendo uno dei suoi momenti umani più bui. Mi unisco al dolore dei familiari, fiducioso che la giustizia faccia presto il suo corso”. L’amministrazione comunale, intanto, ha nominato un legale, l’avvocato Pirani, per fare valere eventuali danni di immagine derivanti da questo tristissimo episodio di cronaca nera. 

L’uomo è stato trovato cadavere in un’autovettura nel parcheggio sterrato nei pressi delle Saline, a Tarquinia, vicino Roma. L’uomo avrebbe ferite compatibili con un colpo di arma da fuoco alla testa. Non si esclude dunque che possa aver cercato di fuggire a bordo della sua auto da qualcuno che lo inseguiva. 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close