• 15 Giugno 2024 7:08

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Olimpico e San Paolo: il calcio che ci piace

Nov 19, 2017

di Alessandro Vocalelli

domenica 19 novembre 2017 09:00

ROMA – Il campionato è tornato con tutta la sua elettricità, i suoi lampi, la sua bellezza, attenuando almeno per un giorno la delusione per l’eliminazione Mondiale. Le polemiche no, quelle restano, parallele al gol di Insigne (Lorenzo, quanto saresti servito a San Siro…) insieme alle dichiarazioni che fioccano, con Ancelotti più lontano dall’azzurro, Allegri che lascia intendere tutto il suo disappunto e il fronte anti Tavecchio che sembra allargarsi e rende la partita ancora da giocare. Insomma, da domani – con il Consiglio Federale – tornerà d’attualità la Nazionale, con le sue grandi manovre e un futuro tutto da scrivere.

Ma in questo week end, ed è una fortuna, la vetrina è monopolizzata dal calcio giocato. A cominciare da un derby, quello dell’Olimpico, che il pubblico ha onorato con lo struggente ricordo di Gabriele Sandri e la Roma ha vinto più che meritatamente, grazie ad un prezioso lavoro di squadra. Ha vinto Di Francesco, che ha messo in campo una squadra compatta, coraggiosa, con Perotti che è entrato spesso dentro al campo nel primo tempo per poi allargarsi nella ripresa, mettendo in difficoltà i difensori avversari. Hanno vinto i giocatori, a cominciare appunto da Perotti, passando per la spina dorsale composta da Fazio, De Rossi e Dzeko: questione anche di chili e di centimetri. Ha vinto la diplomazia della società, che ha saggiamente accompagnato il ritorno a casa di due protagonisti: Kolarov, sollevato dal secondo impegno con la Serbia e Nainggolan, subito a curarsi dopo l’infortunio all’inguine riportato con il Belgio. Proprio loro, pensate un po’, sono stati i match winner, con il rigore procurato e la rete che ha deciso alla fine la partita. Già, perché poi c’è stato il rigore di Manolas ad infiammare il finale. Ma, pur tra mille difficoltà atletiche e il Ninja costretto sofferente ad uscire, la Roma ha tenuto il campo, patendo solamente l’arrembaggio della Lazio e l’ingresso di Lukaku. E questo è l’interrogativo più gettonato in casa biancoceleste: perché rinunciare a quell’esterno di corsa e di forza, protagonista dei derby vinti lo scorso anno? Una domanda a far da contraltare, sempre in relazione ai derby della passata stagione, alla presenza di Perotti. Lui, che in questa occasione è stato come detto uno dei protagonisti assoluti, non c’era invece – se non in panchina – in occasione delle partite vinte in campionato e in Coppa Italia da Simone Inzaghi. Storie di calcio giocato, quello che ci piace di più, storie di uomini e di un campionato che comunque ha ribadito una realtà assoluta. La Roma di Di Francesco sta brillando in Italia e all’estero con una gestione della rosa formidabile. C’era solo Kolarov, in campo, dei nuovi acquisti e preziose si stanno rivelando le seconde e addirittura terze linee della passata stagione: abbiamo detto di Perotti, per arrivare a Bruno Peres, Gerson e Juan Jesus. Tre giocatori rilanciati in un momento delicato – dall’infortunio di Karsdorp ai problemi di Schick – che la Roma e Di Francesco stanno gestendo in maniera straordinaria. Con il tecnico che ha tenuto fede alle parole («Ce la giochiamo per vincere, senza assolutamente snaturarci») pronunciate anche nel forum al nostro giornale.

È poi toccato al Napoli ribadire la propria forza e consolidare un primato in classifica raggiunto con i suoi triangoli in movimento continuo, un calcio accecante, bellissimo. Come detto ci ha pensato Insigne a sbloccare – con il conforto perfetto del Var – una gara che il Milan ha onorato, uscendo comunque a testa alta, provando a rimetterla in discussione dopo la rete gioiello di Romagnoli. Troppo tardi però, contro una squadra che sa quello che vuole e sta ribaltando il vecchio concetto che vince alla fine la difesa migliore. Il Napoli ha trovato un suo assetto preciso, con Koulibaly a livelli mostruosi, in cui gli attaccanti sono i primi a darsi da fare in fase di contenimento ma i difensori – allo stesso momento – sono i primi ad offrire un’idea di gioco: mai un pallone sprecato o un rinvio alla ricerca di un po’ di fortuna. Il Napoli, lo spettacolare Napoli di Sarri, è uno spot formidabile per questo sport. A cui la gente è legata, bastava vedere ieri il San Paolo e l’Olimpico, da una passione – questa sì – davvero Mondiale.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close