• 23 Giugno 2021 20:06

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

I giovani, la bambola per Giorgia, il rito sobrio per «ridare vita alla comunità»

Ago 27, 2016

Un palazzetto stracolmo quello nel quale ad Ascoli Piceno dove si sono svolti i funerali di 35 delle 50 vittime marchigiane, la 50esima annunciata dal pulpito dallo stesso Vescovo di Ascoli, Monsignor Giovanni D’Ercole.

Hanno voluto partecipare i feriti, ricoverati nell’adiacente ospedale Mazzoni. Sono arrivati con ancora evidenti i segni delle conseguenze della scossa del 24 agosto: qualcuno sulla sedia a rotelle, qualcun altro con fasciature e gessi. Sedia a rotelle e piede fasciato anche per la zia di Giulia, morta abbracciata alla sorella Giorgia, sopravvissuta e ricoverata al Mazzoni. A lei il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha voluto regalare una bambola nel giorno del suo quarto compleanno, durante la visita in ospedale subito dopo i funerali.

Quasi impossibile far entrare tutti

E hanno voluto partecipare amici e parenti da Arquata del Tronto e Pescara del Tronto, i due paesi marchigiani maggiormente danneggiati, arrivati con gli autobus dalla tendopoli. Quasi impossibile far entrare tutti, tanto che non mancato qualche momento di tensione con il cordone di sicurezza che non voleva lasciar passare quanti non avessero fatto richiesta.

“Il sisma un boia notturno venuto a strapparci di dosso la vita. La nostra terra per popolata di gente che non si scoraggia”

monsignor Giovanni D’Ercole, vescovo di Ascoli

Provenienti da paesini che si immagina abitati prevalentemente da anziani, a stupire la presenza di tanti giovani. Che si abbracciavano, accarezzavano, confortavano, che si raccontavano per l’ennesima volta l’esperienza vissuta. E che ora dicono che a Pescara e Arquata non ci vogliono pi tornare, per loro non c’ futuro. Giovani come le decine di scout e volontari di tante associazioni, l per accompagnare i familiari delle vittime un po’ disorientati, per distribuire acqua e panini in una giornata buona per andare al mare e non per piangere. Ed soprattutto ai giovani che si rivolto il Vescovo: Bisogna ridare vita alle nostre comunit, li ha incitati. Il sisma un boia notturno venuto a strapparci di dosso la vita. La nostra terra per popolata di gente che non si scoraggia.

Sisma, vescovo ai funerali: ho chiesto a Dio “e ora che si fa?”

35 le bare allineate di fronte all’altare, di cui due bianche, quella di Giulia e quella di Marisol, 18 mesi, la vittima pi giovane del sisma. Sua madre era scappata dell’Aquila dopo il terremoto del 2009. Sulle due bare orsetti e peluche, ripresi da telecamere arrivate da ogni parte del mondo, anche da Giappone e Stati Uniti.

Renzi: Torner a telecamere spente

Dopo la funzione, svoltasi in un clima sobrio e composto come sobria e composta questa gente di montagna, il presidente del Consiglio si intrattenuto a lungo con i familiari delle vittime. Io vi aiuter ma voi ditemi cosa meglio per voi, ha detto. Torner a telecamere spente.

Grasso: Prevenire perch non accada mai pi

Ha fatto invece cenno alle polemiche di questi giorni sugli edifici crollati nonostante recenti ristrutturazioni il presidente del Senatore Piero Grasso, intervenuto con la presidente della Camera Laura Boldrini: Prevenire perch non accada mai pi.

Ecco Leo, il labrador della polizia che ha salvato Giorgia

© Riproduzione riservata

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close