• 29 Settembre 2022 20:18

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Grandi rifiuti Roma, Muraro rilancia: “Ingombranti per strada? Sembra ci sia volontà”

Ott 25, 2016

“Sì. In questi due giorni ad esempio hanno pulito piazza Giureconsulti e stamattina c’era un materasso. Sembra ci sia una volontà, perché dove trovano pulito là scaricano materassi”. Sui rifiuti ingombranti l’assessore capitolino all’Ambiente Paola Muraro la pensa come la sindaca Virginia Raggi. “Mai visto tanti rifiuti pesanti abbandonati per strada. Mi sembra strano”, aveva spiegato la sindaca, intervistata da Repubblica. “Ci sono frigoriferi che invece di essere portati all’isola ecologica vengono buttati vicino ai cassonetti e non è mica un lavoro semplice portarli lì, non so neanche come facciano. Però il frigorifero è già tutto sfondato e graffitato. Mi sembra strano”.

Muraro ha poi parlato del servizio di raccolta a domicilio per i rifiuti ingombranti, sospeso dal 18 giugno: “A fine novembre ripartirà il servizio ‘RiciclaCasa’. Sono stati fermi da maggio in poi perché c’era stata una gara, andata infruttuosa secondo Ama, per cui hanno dovuto ribandire”, ha ribadito l’assessora a margine della commissione Ambiente. “Ma così ci sono varie gare su Ama che vanno attenzionate. Alcune nel 2015 erano andate deserte, e sono state ribandite, per la gestione di altre frazioni. Su Ama c’è molto da fare”, ha aggiunto.

“Stiamo creando anche con i vigili un gruppo ad hoc per scovare i reati ambientali”, ha spiegato poi Muraro. “Si faranno indagini, ci sono già delle segnalazioni pesanti su alcune parti di Roma – ha aggiunto – e poi si sanzionerà pesantemente applicando il testo unico ambientale che prevede anche procedimenti penali”. Muraro ha precisato che “questo gruppo è in costituzione, però una parte

esiste già, quindi si farà riferimento a queste risorse già formate per creare un gruppo particolare perché ce n’è bisogno: se il cittadino o l’utenza commerciale non è in grado di individuare il cassonetto giusto ci penserà la sanzione. In giro per l’Italia si va in questa direzione, da Palermo a Trento, dove si sono già costituiti questi gruppi ed è giusto che sia così”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close