• 2 Ottobre 2022 17:30

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Germania 2030, proposta per vietare i motori a combustione

Ott 10, 2016

La Germania vorrebbe vietare la vendita delle auto con motore a combustione interna a partire dal 2030. La proposta arriva dal Consiglio Federale, che partecipa al potere legislativo e amministrativo della Stato (Bund) in qualità di rappresentante dei 16 lander.

volkswagensvolkswagens

La Germania in fondo sembra sposare in pieno un’analoga proposta del gruppo di deputati del PvdA – il partito olandese di ispirazione socialdemocratica oggi all’opposizione. Ad aprile la Camera Bassa ha approvato la sua mozione per vietare la vendita di auto a benzina e gasolio a partire dal 2025.

La risoluzione tedesca attualmente non ha potere legislativo poiché questo ambito è regolato a livello europeo. Però, secondo gli addetti ai lavori, il peso della Germania a Bruxelles potrebbe stimolare il dibattito sull’argomento e avviare una seria consultazione comunitaria.

I Verdi tedeschi hanno accolto la decisione positivamente. “Se prendiamo seriamente l’accordo sul clima di Parigi, dopo il 2030 potremmo non vedere più auto nuove a motore a combustione sulle strade”, ha dichiarato Oliver Krischer, rappresentante del gruppo Verde al Bundestag. La Germania in effetti entro il 2050 dovrebbe ridurre la produzione di CO2 di circa il 95%.

landland
Lander

Lo Spiegel, che per primo ha rilanciato la notizia, ha confermato che i produttori d’auto potrebbero essere allarmati soprattutto dalla proposta di aggiornare le tassazioni e rivedere gli incentivi applicati al mercato. È evidente che agevolazioni di vario tipo potrebbero favorire il segmento a emissioni zero e a medio termine rendere meno allettanti gli altri veicoli.

Un po’ quello che sta avvenendo in Norvegia dove le auto elettriche plug-in ormai rappresentano un terzo degli ordini. Grazie a incentivi fiscali analoghi stanno facendo bene anche Olanda e Francia. Insomma, la stagione dei motori a combustione tradizionali non volge al termine, ma le alternative si fanno sempre più allettanti.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close