• 29 Maggio 2023 0:56

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Forum Pd a Milano, Sala: “Serve opposizione dura e un segretario che faccia il mediano”

Ott 28, 2018

“Pensare di minare le basi del Pd prima selle Europee è una follia, serve un segretario che faccia il mediano e non che pensi a se stesso come candidato premier, e serve una opposizione dura non solo sui giornali ma nelle piazze”. È in qualche modo il padrone di casa, visto che il Pd ha scelto Milano per il suo ‘Forum per l’Italia’. E forse anche per questo il sindaco Beppe Sala sceglie di usare parole forti e nette verso il partito “di cui non ho tessera, ma a cui voglio bene” e viene ricambiato da applausi scroscianti da tutta la platea.

Sala parla di Milano, della linea della sua amministrazione fatta di solidarietà e futuro, ma riserva quattro consigli al Pd, partendo dal fatto che “il momento è delicato ma non irrecuperabile”. Guarda Maurizio Martina quando dice che “un segretario ce lo abbiamo” ma pensa al congresso quando scandisce: “Da sindaco e da Beppe Sala voglio un segretario che anche nei rari momenti di autoesaltazione che questo ruolo può dare non penserà a se stesso come candidato premier, che stia un giorno a Roma e gli altri in giro, al Sud, perché poi ci lamentiamo che lì non arriviamo”. È ancora, nella descrizione del segretario ideale, che “parli con tutti, perché le partnership non si costruiscono solo vicino alle elezioni”.

Parla della sua Milano, Sala, del doppio binario inscindibile di “crescita e solidarietà” e anche qui lancia una frecciata al partito: “Qui non ci chiudiamo in conclave e non guardiamo i sondaggi. Ascoltiamo, creiamo rete e la gestiamo ogni giorno, senza derogare sulle linee politiche ma sottoponendo le nostre scelte ai tanti popoli di Milano. Stiamo con i piedi per terra ma rilanciamo sempre verso il futuro”. Cita il Piano quartieri, con 1,6 miliardi da investire in quattro anni, parla di ambiente e di politiche sull’oggi “ma guardando al futuro: perché poi certo, se passa il treno delle Olimpiadi è chiaro che ti ci butti, ma perché fa parte di questa visione”.

in riproduzione….

Condividi

In platea ci sono tanti big, Gentiloni, Fassino, Franceschini, e riprende la sua idea sulle liste per le Europee per dire che “chi sta pensando di candidarsi deve sapere a dicembre cosa avrà dietro, simboli e tutto il resto, i collegi sono grandi e uno deve avere il tempo di girare”.

rep

Da ultimo, la questione dei temi non presidiati dal Pd: l’ambiente, la questione femminile, quella delle infrastrutture, “possibile che non diciamo che se non facciamo la Tav da Lione vanno a Francoforte e Budapest?”. E prende applausi quando quasi grida: “Voglio un segretario che abbia dietro tutti noi, perché al prossimo caso Lodi mette duecento persone fuori dal municipio finché quella (la sindaca, ndr) non cambia idea”.

E qui torna su un tema che affronta da giorni: “Dobbiamo dire no a ‘prima gli italianì ma sì a quelli che fanno il loro dovere da cittadini, a prescindere dal colore della pelle”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close