• 16 Aprile 2021 9:07

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

#Fertilityday, la bocciatura di Renzi: per fare figli non servono cartelloni

Set 1, 2016

Non sapevo niente di questa campagna, il “fertility day”. Dopo la polemiche che hanno fatto seguito all’iniziativa del ministero della Salute, il premier Matteo Renzi prende le distanze e sottolinea: La mia opinione che se vuoi creare una societ che torna a fare i figli devi creare situazioni strutturali come asili nido, tempi di lavoro delle famiglie, servizi. Le societ dove c’ un trionfo di passeggini lo fanno non perch c’ campagna dietro, ma perch ci sono queste misure. E aggiunge: Non conosco nessuno dei miei amici che fa un figlio perch vede un cartellone pubblicitario.

Ieri la polemica, anche aggressiva, montata in rete dopo che sono circolate alcune immagini della campagna pubblicitaria lanciata dal ministero della Salute per il prossimo 22 settembre: il #fertilityday. Al coro “contro” si sono unite anche voci come quella di Roberto Saviano e di Michela Murgia: gli slogan scelti insultano le donne. La ministra Beatrice Lorenzin, dal canto suo, si difende: Lo slogan del Fertility Day “conoscere per essere libere di scegliere”, non nostra intenzione fare una campagna per la natalit ma fare prevenzione perch l’infertilit una questione di Salute Pubblica. un problema in crescita che riguarda sia gli uomini che le donne. stata individuata la necessit di informare le persone perch emerso che spesso manca la consapevolezza dei tempi della fertilit, che varia a seconda delle et.

Motivazioni valide, che hanno trovato, per, una messa in pratica discutibile tanto che in molti hanno ribadito la necessit di fare informazione partendo dalla scuola sui temi della fertilit. Certo un’iniziativa spot non pu essere la soluzione a una natalit italiana scesa ai minimi storici nel 2015 dall’Unit d’Italia.

Contro l’iniziativa si sono schierati anche gruppi di psicologi, che spiegano come la campagna possa essere un boomerang: per apportare un cambiamento in un sistema complesso (come quello umano), pi che aumentare la spinta nella direzione desiderata (cosa che aumenta la tensione nel sistema e pu produrre resistenza al cambiamento) occorre ridurre le resistenze. Vale a dire, risolvere i problemi che stanno alla base della bassa natalit. L’et media delle mamme si alzata a 31,6 anni? Probabilmente si spiega con una crescente instabilit lavorativa e quindi finanziaria, senza contare che ieri l’Istat ha annunciato un’occupazione giovanile in Italia al 39,2%. A questo si aggiunga che in Italia una donna su quattro lascia il lavoro dopo il primo figlio e spesso non per scelta volontaria.

Per affrontare la questione, come merita, sarebbe necessario un tavolo di lavoro che riunisca la ministra della Salute Beatrice Lorenzin, la ministra per le Pari Opportunit Maria Elena Boschi, il ministro per la Famiglia Enrico Costa e il ministro del lavoro Giuliano Poletti. Come proposto su Alley Oop Il Sole 24 Ore.

© Riproduzione riservata

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close