• 3 Marzo 2024 4:47

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Famiglia, Istat: nel 2015 +4.600 matrimoni, divorzi oltre quota 82mila

Nov 14, 2016

Nel 2015 sono stati celebrati in Italia 194.377 matrimoni, circa 4.600 in pi rispetto all’anno precedente. Si tratta dell’aumento annuo pi consistente dal 2008. Ma l’introduzione del “divorzio breve” fa registrare anche un consistente aumento dei divorzi, che nello stesso anno raggiungono quota 82.469 (+57% sul 2014), mentre pi contenuto l’aumento delle separazioni, pari a 91.706 (+2,7% rispetto al 2014). Lo rivela l’Istat, spiegando che tra il 2008 e il 2014 i matrimoni sono diminuiti in media al ritmo di quasi 10mila l’anno.

Gli italiani tornano a sposarsi

Secondo l’istituto di statistica, la lieve ripresa dei matrimoni riguarda, in parte, le prime nozze tra sposi di cittadinanza italiana: 144.819 celebrazioni nel 2015 (circa 2.000 in pi del 2014), mentre dal 2008 al 2014 erano diminuite di oltre 40.000 (il 76% del calo complessivo delle nozze). Aumenta anche la propensione alle prime nozze: 429 per 1.000 uomini e 474 per 1.000 donne. I valori sono comunque inferiori del 20% rispetto al 2008. Gli sposi celibi hanno in media 35 anni e le spose nubili 32 (entrambi quasi due anni in pi rispetto al 2008).

Le seconde nozze, o successive, sono state 33.579 sempre nel 2015 quasi 3mila in pi rispetto al 2014 (+9%). L’incidenza sul totale dei matrimoni raggiunge il 17%.

Prosegue anche nel 2015 l’aumento dei matrimoni celebrati con rito civile. Sono stati 88.000 – l’8% in pi rispetto al 2014 – e rappresentano ormai il 45,3% del totale dei matrimoni. Gran parte di questo aumento dovuto alle seconde nozze, ma il rito civile sempre pi scelto anche nei primi matrimoni di coppie italiane.

I matrimoni in cui almeno uno dei due sposi di cittadinanza straniera sono circa 24.000 (12,4% delle nozze celebrate nel 2015), in calo di circa 200 unit rispetto al 2014.

Divorzi in aumento, le nozze durano in media 17 anni

A seguito dell’introduzione della normativa sugli accordi extragiudiziali in tema di separazione e divorzio, spiega l’Istat, sono stati definiti presso gli Uffici di stato civile 27.040 divorzi (pari al 32,8% dei divorzi del 2015) e 17.668 separazioni (19,3% delle separazioni).

La durata media del matrimonio al momento della separazione di circa 17 anni. Negli ultimi vent’anni raddoppiata la quota delle separazioni dei matrimoni di lunga durata, passando dall’11,3% del 1995 al 23,5%. All’atto della separazione i mariti hanno mediamente 48 anni e le mogli 45 anni e, in generale, la propensione a separarsi pi bassa e stabile nel tempo nei matrimoni celebrati con il rito religioso.

Nel 2015 le separazioni con figli in affido condiviso sono circa l’89% di tutte le separazioni con affido e solo l’8,9% dei figli affidato esclusivamente alla madre. questo l’unico risultato evidente dell’applicazione della Legge 54/2006 sull’affido condiviso. Per l’Istituto nazionale di statistica, la quota di separazioni in cui la casa coniugale assegnata alle mogli aumenta dal 57,4% del 2005 al 60% del 2015 e arriva al 69% per le madri con almeno un figlio minorenne.

Si mantiene stabile anche la quota di separazioni con assegno di mantenimento corrisposto dal padre (94% del totale delle separazioni con assegno nel 2015).

© Riproduzione riservata

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close