• 29 Novembre 2021 22:16

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

F1, GP del Giappone: le pagelle di Suzuka

Ott 10, 2016
F1, GP del Giappone: le pagelle di Suzuka

Un’altra gara perfetta, un’altra vittoria meritata per Rosberg che conferma il suo stato di grazia: al sabato strappa per pochi centesimi la pole position ad Hamilton e poi alla domenica s’invola verso la vittoria mentre il compagno slitta sulla pista ancora umida nella sua posizione in griglia. Come dire, pochi centesimi di differenza al sabato e il giorno dopo avremmo assistito a tutta un’altra storia, ma le corse sono anche questo. Voto 10 a Rosberg, quindi, che non sbaglia niente e sembra ormai solido come una roccia, mentalmente e in classifica. Campione.


Voto 7,5, comunque, a Hamilton, perchè l’errore in partenza ha parecchie scusanti – come abbiamo appena detto – e la sua rimonta poi è concreta ed efficace, finchè non trova sulla sua strada Verstappen. Questo era il duello che ancora non c’era stato quest’anno e che un po’ tutti aspettavano, viste le capacità di sorpasso dell’inglese e la difesa arcigna per cui è ormai famoso l’olandese: è finita con una nuova vittoria per il pilota Red Bull, furbo a spostarsi in frenata (ormai il suo marchio di fabbrica) al momento giusto, costringendo l’inglese ad andare lungo. Ecco, l’inglese ha tentato il colpo a sorpresa, ma gli è andata male, e il mondiale ora si fa tremendamente in salita. In affanno.


Chi invece è tutto tranne che in affanno è Verstappen, che batte in qualifica Ricciardo, parte benissimo, corre quasi sempre in solitaria su un ritmo molto alto e quando alle sue spalle rinviene come una furia Hamilton non fa una piega: addirittura riesce a tenerlo a distanza in rettilineo, sfruttando la trazione della sua monoposto e frenando più o meno nel paddock della prossima gara, per poi chiudergli la porta in faccia quando l’inglese ci prova in un altro punto. A proposito, la sua manovra sarà stata anche discutibile ma formalmente è corretta e allora di cosa stiamo a parlare ancora? Suvvia che quando si correva in bianco e nero i rischi erano ben altri ma si faceva ben di peggio… Voto 10, insuperabile.


Superabile, e superato infatti, è stato purtroppo Vettel che ha perso la posizione su Hamilton per un ritardo del team nel richiamarlo ai box. È questo infatti l’errore vero, perchè siamo onesti: una volta alle spalle dell’inglese non l’avrebbe mai risuperato, qualsiasi fossero state le gomme montate. Peccato, perchè il tedesco ha disputato una gran bella gara e avrebbe meritato il podio. Voto 7,5 quindi: ben tornato.


Ancora migliore, complessivamente, il fine settimana di Raikkonen che si è preso anche il lusso di qualificarsi – ancora – davanti a Vettel, poi a Maranello capiscono che è meglio sostituire il cambio e così i suoi sogni di gloria finiscono ancor prima che la gara abbia inizio. Il finlandese, comunque, rinviene bene e attacca come da tempo non lo si vedeva fare, segno che l’auto c’era e anche lui. E allora voto 8, incolpevole.


Un po’ in ombra, dopo il trionfo in Malesia, Ricciardo, ma anche lui patisce in partenza, dove perde posizioni cercando di evitare Hamilton. Il resto è una gara tutta nel traffico che gli spezza il ritmo. Voto 6,5: andrà meglio la prossima volta.


“Solo” 7° ma primo degli altri – come spesso accade quest’anno – Perez, che parte ancora una volta benissimo ma capisce che è inutile distruggere le gomme cercando difese impossibili, essendo i suoi obiettivi altri. Veloce e concreto, il messicano è una delle migliori conferme di questo mondiale: per lui voto 8, sottovalutato.


Alle sue spalle Hulkenberg fa anche lui la sua parte alla grandissima, portando ulteriori punti alla Force India e tenendo dietro le Williams, però Perez gli sta davanti molto più spesso di quanto lui – e molti altri – avrebbero previsto. Quindi voto 7,5, però…

Bella la gara di Massa, che risale in zona punti con un pit stop solo riuscendo a tenersi dietro anche Bottas. Una prova di tenacia e velocità intatte: voto 7,5, pensionato a chi?


Ecco, vedendo la coppia della Williams qualche dubbio su chi debba ritirarsi e chi continuare a essere l'(ex) giovane promessa viene. Certo il rendimento di Bottas è più o meno in linea e infatti per un bel pezzo di gara i due hanno viaggiato vicini, ma appunto vista la reputazione del finlandese e l’imminente ritiro del brasiliano qualcosa di diverso e di più sarebbe lecito aspettarsi, no? Voto 6, minimo sindacale.

Chiude fuori dai punti, dopo un’ottima qualifica,Grosjean: il francese non sbaglia niente ma il tempone del sabato dimostra che come velocità su questa pista la Haas c’era, allora perchè non è riuscito a cogliere nemmeno un punto? In questo probabilmente pesa il fatto di essere un team all’esordio, ma il francese non doveva essere il pilota che portava esperienza? E allora voto 6 con le attenuanti generiche, però forse si poteva fare qualcosa di più: sprecone.


Voto 5 invece a Sainz, autore di più di uno svariane, cosa strana per lui che fin dalla prima gara in Formula 1 corre praticamente come un veterano. Distratto.

E voto 4 a Gutierrez, che per poco non sboccia lo spagnolo dopo essersi girato da solo in frenata all’ultima chicane: inguardabile.


Inguardabile, comunque, è stata anche la gara delle McLaren che portavano al debutto l’ultima, attesissima (?) evoluzione del motore Honda. Che non fosse la soluzione a tutti i problemi si era intuito già durante i giri compiuti in Malesia, ma vedere Alonso e Button arrancare nelle ultime posizioni nella gara di casa potendo contare sulla potenza del motore evo (o forse proprio per questo…) faceva rabbia e tenerezza insieme. In Honda hanno cambiato il responsabile del progetto, ma a due anni dal debutto la verità è che non ne escono, e la cosa francamente sorprende. Voto 0, sconcertante.

Non sorprende, invece, il terzo titolo costruttori consecutivo di Mercedes, conquistato con ben 4 gare di anticipo a sancire un dominio che anche quest’anno è stato netto, indiscutibile e meritato. Voto 10, campioni.

GP Suzuka 2016, i voti:

Rosberg 10

Verstappen 10

Hamilton 7.5

Vettel 7.5

Raikkonen 8

Ricciardo 6.5

Perez 8

Hulkenberg 7.5

Massa 7.5

Bottas 6

Grosjean 6

Sainz 5

Gutierrez 4

1di 18

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close