• 1 Marzo 2024 5:06

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

F1, Gp Abu Dhabi 2016, Rosberg: «Sono al settimo cielo»

Nov 27, 2016
F1, Gp Abu Dhabi 2016, Rosberg: «Sono al settimo cielo»

«Sono al settimo cielo. Voglio dedicare la mia vittoria a mia moglie, che mi ha sempre sostenuto, e a mia figlia, Alaia. È davvero surreale: sono contento di aver ripetuto l’esperienza di mio padre»: è apparso visibilmente commosso sul podio Nico Rosberg, laureatosi campione del mondo ad Abu Dhabi.

Non è stato facile conseguire questo risultato, con il finale al cardiopalma che ha visto Rosberg tallonato da Vettel. «Non è stata certo una gara facile per me – spiega Rosberg -; ho avuto a che fare con Max, e poi con tutti gli altri che mi riprendevano alla fine; non mi sono certo divertito nel corso degli ultimi giri».

Non mancano, chiaramente, i ringraziamenti del nuovo campione del mondo. «Voglio dedicare la mia vittoria a mia moglie, che mi ha sempre sostenuto, e a mia figlia, Alaia. È davvero surreale: sono contenta di aver ripetuto l’esperienza di mio padre», spiega Rosberg, che non manca anche di complimentarsi con il compagno di squadra: «Voglio congratularmi con Lewis per la sua stagione; è stato un avversario formidabile, sempre velocissimo».

Lewis Hamilton, dal canto suo, ha ricordato i problemi occorsi durante la stagione. «Ho fatto tutto quello che potevo questa stagione – spiega Hamilton -, non avrei potuto chiedere di più a me stesso. Stasera festeggerò con il team; abbiamo avuto molti problemi quest’anno, per questo sono secondo e non primo».

«Voglio ringraziare tutti quelli che sono intervenuti ad Abu Dhabi – continua Hamilton – i tifosi inglesi erano tanti. Voglio ringraziare anche la mia famiglia per il sostegno e il team, che ha svolto un lavoro fantastico; sono orgoglioso di farne parte. Non avrei mai sperato di ottenere tutte queste vittorie quando sono entrato a far parte del team».

Sono al settimo cielo. Voglio dedicare la mia vittoria a mia moglie, che mi ha sempre sostenuto, e a mia figlia, Alaia. È davvero surreale: sono contento di aver ripetuto l’esperienza di mio padre

A complicare la vita a Rosberg ci ha pensato Sebastian Vettel. «Voglio fare i miei complimenti a Nico – spiega – so che negli ultimi giri gli ho reso la vita difficile, non avrei voluto essere nei suoi panni. Ho cercato di avvicinarmi e superarlo, perché avrei voluto superarli entrambi, visto che Lewis andava così piano. Le mie gomme, però, stavano degradando.

«Credo che il team meriti il risultato conseguito – puntualizza Vettel -; abbiamo lavorato tantissimo, sopportando tante critiche, alcune meritate, altre ingiustificate. È uno sport difficile, contro avversari molto forti. È bello concludere la stagione con un acuto per proiettarci con slancio verso il prossimo anno».

1di 70

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close