• 25 Settembre 2021 11:11

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Elaborate e gourmet, ecco le migliori pizze d’Italia

Set 22, 2016
13306168285_9cc6acf0f8_b-960x430

Andiamo a farci una pizza? Da qualche anno non è più una scelta veloce (e magari di ripiego). Una pizza digeribile e leggera richiede lunghi tempi di lievitazione, tecnica e infinita esperienza, senza tener conto di quella non decifrabile sensibilità che permette di aggiungere o togliere a seconda delle condizioni atmosferiche e che il pizzaiolo sente, prima tra le mani e poi al cuore. La pizza perfetta non esiste ma è sicuramente l’Italia, patria della rotonda, che può vantarne i mostri sacri nel panorama mondiale. E la pizza sta pian piano assumendo una nuova veste: non più semplice alimento, trova ottimi abbinamenti con vini e champagne e si sposa con farciture gourmet. La pizzeria sta via via allontanandosi dall’accezione di mera tavola calda di massa con ampio giro di coperti e si sta avvicinando al concetto di ristorante, tanto che, alla presentazione della guida Michelin, si accennava a una possibile stella in questa direzione.

La guida alle eccellenze

E come la stella è il sogno di tanti ristoratori, così i tre spicchi Gambero Rosso lo sono per i pizzaioli. Presentata ieri la guida pizzerie del Gambero Rosso a Napoli ecco i massimi esponenti di uno dei simboli che ci contraddistinguono in tutto il mondo:

I TRE SPICCHI per la pizza napoletana sono per il Piemonte a Perbacco – La Morra (CN); in Lombardia da Montegrigna By Tric Trac – Legnano (MI) e da Enosteria Lipen – Triuggio (MB); In Toscana da ‘O Scugnizzo – Arezzo, Santarpia – Firenze, Sud – Firenze, Kambusa – Massarosa (LU), Palazzo Pretorio – Tavernelle Val di Pesa (FI); nelle Marche da Mamma Rosa – Ortezzano (FM); in Umbria da Pizzeria Spirito Divino – Montefalco [PG]; in Campania da Pepe In Grani – Caiazzo (CE), I Masanielli – Caserta; 50 Kalò – Napoli; Da Attilio alla Pignasecca – Napoli, La Notizia – Napoli (nelle sedi di via M. da Caravaggio,53 e 94a ), Sorbillo – Napoli, Starita – Napoli, Villa Giovanna – Ottaviano (NA), Era Ora – Palma Campania (NA), Pizzeria Salvo da Tre Generazioni – San Giorgio a Cremano (NA).

Gruppo Premiati

I TRE SPICCHI per la pizza all’italiana sono per il Piemonte da Libery Pizza & Artigianal Beer – Torino; in Emilia Romagna alla Piccola Piedigrotta – Reggio Emilia; In Lazio da La Gatta Mangiona – Roma; Pro Loco Dol – Roma, Pro Loco Pinciano – Roma, Sforno – Roma, Tonda – Roma; in Abruzzo da La Sorgente – Guardiagrele [CH]; in Sicilia da La Braciera – Palermo e in Sardegna da Framento – Cagliari.

Per la categoria che più si avvicina alla ristorazione con la pizza a degustazione troviamo in Piemonte Gusto Madre – Alba (CN), Gusto Divino – Saluzzo (CN), Terra, Grani, Esplorazioni – San Mauro Torinese (TO); in Lombardia Sirani – Bagnolo Mella [BS] e Dry Cocktails & Pizza – Milano; in Veneto Ottocento Simply Food – Bassano del Grappa (VI), I Tigli – San Bonifacio (VR), Saporè Pizza e Cucina – San Martino Buon Albergo (VR); in Friuli Venezia Giulia Mediterraneo – Brugnera (PN); in Emilia Romagna ‘O Fiore Mio – Faenza (RA); nelle Marche Urbino dei Laghi – Urbino; in Toscana La Divina Pizza – Firenze, Lo Spela – Greve in Chianti (FI), Apogeo Giovannini – Pietrasanta (LU); in Umbria La Posta – Avigliano Umbro (TR); in Abruzzo Percorsi di Gusto – L’Aquila; in Lazio In Fucina – Roma; in Campania Guglielmo Vuolo a Eccellenze Campane – Napoli

Le tre rotelle per la pizza d’asporto invece vanno a Saporè Asporto – San Martino Buon Albergo (VR) per il Veneto; Menchetti – Arezzo per la Toscana; Angelo e Simonetta – Roma, Panificio Bonci – Roma, Pizzarium – Roma per il Lazio; La Masardona – Napoli per la Campania; Pizzamore – Acri (CS) per la Calabria e Pizzeria Bosco – Tempio Pausania (Olbia Tempio) per la Sardegna.

Tra la tradizione e l’innovazione, l’esperienza e la novità troviamo Massimiliano Prete – Gusto Divino – Saluzzo (CN) e Antonio La Marca – Era Ora – Palma Campania (NA) tra i maestri dell’impasto e Alberto Pagliani – Da Albert – Trento con Francesco Vitiello – Casa Vitiello – Caserta tra i pizzaioli emergenti.

Finalmente un’attenzione al gluten free che negli ultimi sta prendendo piede, il premio va a La Ventola – Rosignano Marittimo (LI), mentre se si cerca un’esperienza totalizzante con accompagnamento di vino o birre l’Apogeo Giovannini – Pietrasanta (LU) è il posto giusto.

La segnalazione come pizza dell’anno? Si va da Ezio a Alano di Piave (BL) per la Pu’er una pizza bianca dalla farcitura originale : mozzarella fiordilatte, topinambur al forno, chips e succo di cavolo nero e infuso di Pu’er (ovvero un the postfermentato cinese nel 1998 molto raro per dare un effetto balsamico alla pizza) se si ama la pizza da degustazione; alla Sorgente – Guardiagrele [CH] per la pizza all’italiana con un omaggio alla Sicilia: stracciata vaccina, tartare di tonno, pistacchio di Bronte, oliva Nocellara del Belice, capperi di Salina o da Oliva – da Concettina ai Tre Santi – Napoli per la Pizza napoletana: ragù napoletano, ricotta di cestino, Parmigiano Reggiano 48 mesi, basilico Infine per gli amanti della pizza al taglio c’è Pizzarium a Roma, d’obbligo per la pizza con melanzane, pomodoro, cipolla, mandorle e scorza di limone a crudo.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close