• 12 Maggio 2021 6:37

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Effetto Fed sui mercati, positive le Borse europee

Feb 15, 2017

MILANO – Ore 10.30.Sono soprattutto le parole di ieri di Janet Yellen a spingere i mercati questa mattina. Il numero uno della Fed ieri ha la lasciato intendere che una stretta dei tassi è vicina e che rinviare ulteriormente l’aumento potrebbe costringere ad azioni improvvise controproducenti per l’economia americana. Sulla spinta di questi segnali Tokyo ha chiuso in rialzo dell’1,03% a 19.437,98 punti, mentre Wall Street ieri ha registrato una nuova tripletta di record sui tre indici principali.

Aperture positive per tutte le piazze europee. Piazza Affari cresce dello 0,55% in avvio di contrattazioni con le banche a guidare a guidare il listino. Bene anche Fca sulla spinta delle trattative per l’acquisto di Opel da parte della francese Psa, operazone che mette in fermento tutto il settore auto. A Francoforte il Dax ha aperto è in rialzo dello 0,55%, a Parigi il Cac40 sale dello 0,5% e a Londra il Ftse100 segna un avanzamento dello 0,42%. Stabile lo spread, che si attesta intorno a quota 187 punti, con il rendimento del btp decennale al 2,23%.

Le parole della Yellen hanno contribuito al rafforzamento del dollaro e oggi l’Euro risulta in flessione sul biglietto verde, attestandosi sotto quota 1,06. All’apertura dei principali mercati valutari europei la moneta unica europea viene scambiata a 1,0553 dollari. Ieri, secondo la rilevazione della bce, l’euro valeva 1,0623.

Il prezzo del petrolio è in leggero ribasso, in attesa dei dati sulle scorte settimanali Usa. Sul circuito elettronico i future sul Light crude Wti arretrano di 26 cent a 52,94 dollari e quelli sul Brent cedono 16 cent a 55,81 dollari al barile. Quotazioni dell’oro in calo dopo. Sui mercati asiatici il lingotto con consegna immediata passa di mano a 1.226,7 dollari l’oncia.

Sul fronte degli appuntamenti di giornata, Bankitalia pubblica oggi i dati sullo stock di debito pubblico al 31 dicembre 2016. A roma il segretario generale dell’Ocse Angel Gurria, insieme al ministro dell’economia Pier Carlo Padoan, presenta il rapporto 2017 sull’economia italiana. A Milano si riunisce il comitato esecutivo Abi. Nell’agenda macroeconomica figurano i dati su mercato del lavoro e retribuzioni in Gran Bretagna e quelli su produzione industriale, vendite al dettaglio e inflazione negli Stati uniti.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close