• 17 Settembre 2021 3:29

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Rogic, l’australiano vuole regalare al Celtic il sesto titolo consecutivo

Set 1, 2016

Stefano Chioffi

venerdì 2 settembre 2016 00:26

ROMA – Dopo lo scozzese Kenny Dalglish, che è stato l’ultimo allenatore ad aver regalato il titolo al Liverpool, l’irlandese Brendan Rodgers è l’unico ad essersi avvicinato davvero al grande traguardo. I Reds non riescono a diventare campioni d’Inghilterra dal 1990, quando la Premier League si chiamava ancora First Division: un campionato senza storia, quello firmato dal tandem formato da John Barnes (26 gol) e Ian Rush (18 gol), dominato dal Liverpool, primo con nove punti di vantaggio sull’Aston Villa, sedici sul Tottenham e trentuno sul Manchester United di Alex Ferguson, che si piazzò al tredecesimo posto. ll piano di Rodgers è andato in frantumi nel 2014, quando sembrava proprio che la Kop (la storica curva dei tifosi del Liverpool) potesse tornare a fare festa: il Manchester City di Manuel Pellegrini effettuò il sorpasso alla penultima giornata.

IL CELTIC – Dal sogno all’incubo: Rodgers e il Liverpool hanno divorziato quasi un anno fa, il 5 ottobre del 2016. I Reds hanno investito sulle idee e sul carisma di Jürgen Klopp. Rodgers si è guardato intorno per qualche mese, ha viaggiato in giro l’Europa, ha visto tante partite e prima dell’estate ha firmato per un anno con il Celtic, pronto a inseguire il sesto “scudetto” consecutivo in un campionato che ha appena riabbracciato anche i Rangers Glasgow, dopo la retrocessione in Quarta Serie del 2012 a causa di irregolarità finanziarie e quattro stagioni nelle categorie inferiori. Un’avventura cominciata nella direzione giusta, con la qualificazione alla fase a gironi di Champions League. E con tre vittorie nelle prime tre partite di Scottish Premiership.

L’INDIRIZZO – Ha sperimentato diversi moduli dall’inizio della preparazione: dal 4-4-2 alla difesa a 3, ma Rodgers si è ormai orientato sul 4-2-3-1. In estate ha fatto arrivare a Glasgow il difensore centrale Kolo Touré, ivoriano, 35 anni, ex Liverpool, fratello di Yaya e svincolato, al quale ha consegnato subito il comando del reparto arretrato. I dirigenti sono riusciti poi a trattenere il centravanti Leight Griffiths (1990, 31 gol nello scorso campionato) e l’ala destra James Forrest (1991). Alla fine è rimasto anche Tom Rogic, mezzapunta, dribbling e magie, 23 anni, australiano, che era entrato nei progetti di diversi club della Premier, dall’Arsenal al West Ham. E’ alla sua terza stagione nel Celtic, ha un contratto fino al 2019, è un destro naturale, può fare il trequartista oppure l’esterno nel 4-2-3-1.

L’ARRIVO IN SCOZIA – Il Celtic lo ha scoperto nel Central Coast Marines, era la fine di gennaio del 2013, gli ha dato il tempo di crescere e maturare, lo ha ceduto in prestito al Melbourne e nell’estate del 2014 lo ha riportato a Glasgow. Mezzapunta moderna, dal fisico robusto: protegge bene il pallone, accende la manovra con i suoi lampi, si sacrifica, va in pressing. Ha il doppio passaporto, australiano e serbo. Tomas Petar Rogic è nato il 16 dicembre del 1992 a Griffith, cittadina australiana dove si registra anche una folta presenza di cognomi di origine italiana. E’ alto un metro e 88, pesa 85 chili, è stato subito protagonista in questo avvio di stagione: un gol in Premiership (all’Aberdeen), uno nel preliminare di Champions (all’Hapol Beer Sheva) e una doppietta in Coppa di Lega (contro l’Aberdeen).

LA NAZIONALE – Rogic ha cominciato a giocare in Australia nell’Academy della Nike e più avanti è entrato a far parte del Belconnen United, soprannominato Blue Devils. Nello scorso campionato, con la maglia del Celtic, ha segnato otto gol e ha firmato sette assist in trenta partite: il club di Glasgow era guidato in panchina dal norvegese Ronny Deila. Ha un contratto fino al 2019 e nella nazionale australiana (diciotto presenze e quattro reti) viene utilizzato spesso anche nel ruolo di mezzala dal commissario tecnico Ange Postecoglu.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close