• 23 Settembre 2023 19:50

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

E-fuel: sarà il carburante dei ricchi

Mar 29, 2023

Gli e-fuel sono, secondo alcuni, l’alternativa ideale ai combustibili fossili: prodotti usando elettricità ed energie rinnovabili, i carburanti sintetici portati sul tavolo delle decisioni europee dal cancelliere tedesco Olaf Scholz sono una soluzione certamente più sostenibile dei tradizionali carburanti.

C’è un problema, però: i nuovi carburanti ecologici potrebbero essere troppo costosi per gli automobilisti. Secondo uno studio appena diffuso da Transport & Environment, la Federazione europea per il trasporto e l’ambiente, un pieno potrebbe arrivare a costare oltre 200 euro: la decisione di approvare gli e-fuel, secondo la ricerca, rischia di vanificare gli sforzi europei per raggiungere una mobilità a zero emissioni entro il 2050.

Carburanti del futuro a 3 euro al litro? I dubbi sugli e-fuel

Gli e-fuel, i nuovi carburanti sintetici derivati dall’elettrolisi dell’acqua, permetteranno di continuare ad immatricolare automobili con motore a combustione anche dopo il 2035: l’approvazione dei carburanti neutri in termini di emissioni di CO2 – portata all’ordine del giorno UE dalla Germania – estende così la vita dei motori termici in Europa.

Ma a quale prezzo? Secondo uno studio di Transport & Environment, l’alternativa alle auto elettriche, ancora inaccessibili a gran parte degli automobilisti, potrebbe finire con l’essere altrettanto costosa, e porta con sé il rischio di vanificare completamente gli sforzi fatti in direzione di una mobilità più sostenibile. Un pieno di e-fuel in Germania, stando ai numeri forniti da T&E, potrebbe arrivare a costare oltre 200 euro, quasi il doppio di quanto costa oggi un pieno tradizionale: la transizione ecologica via e-fuel, secondo la ricerca, potrebbe finire col costare agli automobilisti fino a 2.300 euro in più ogni anno.

Un’ampia diffusione dei carburanti sintetici, inoltre, espone a un ulteriore rischio: prolungare la vita e la produzione dei motori a scoppio per consentire la circolazione ai veicoli alimentati con e-fuel significa infatti tornare alla possibilità di viaggiare su auto alimentate a diesel e benzina. “Il costo più elevato dei carburanti sintetici significherà che solo i ricchi potranno permetterseli”, spiega Alex Keynes, responsabile veicoli puliti di T&E, “mentre tutti gli altri potrebbero essere spinti ad aggirare le regole e a utilizzare invece la benzina fossile”. A rimetterci, secondo l’Associazione, “saranno gli automobilisti e il clima”.

Fuori la 1st Barrel di e-fuel: quanto costa

Il costo sproporzionato degli e-fuel è dovuto in buona parte al fatto che, nonostante ci si lavori da anni nei laboratori di tutto il mondo, la produzione dei carburanti sintetici non è ancora riuscire a scalare verso una dimensione industriale che consenta di abbatterne i costi.

La prima tanica di e-fuel messa in vendita, la simbolica 1st Barrel da 20 litri prodotta dall’azienda inglese Zero Petroleum, costa la bellezza di 50.000 sterline, ovvero quasi 3 euro al litro. In effetti, oltre alla compagnia guidata dall’ex ingegnere di Formula 1 Paddy Lowe, i nomi coinvolti nello sviluppo degli e-carburanti sono piuttosto altisonanti. Porsche, per esempio, conta di produrre i primi galloni entro il 2027, mentre BMW ha investito oltre 12 milioni di dollari nella start-up Prometheus Fuels, fondata nel 2019 proprio allo scopo di commercializzare carburanti a zero emissioni.

Come ha fatto notare Keynes “gli e-fuel non saranno altro che una soluzione di nicchia per chi guida una Porsche”: se è vero che la Formula 1 passerà certamente ai carburanti sintetici a partire dalla stagione 2026, secondo il bilancio tracciato da Transport & Environment è altrettanto improbabile che gli e-fuels possano trovare una reale diffusione sulle strade d’Europa.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close