• 18 Agosto 2022 1:12

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Inter, Icardi: «Nessuna dedica, segnare è il mio mestiere»

Set 11, 2016

domenica 11 settembre 2016 23:10

PESCARA –Il merito di questa vittoria è di tutta la squadra, che ha lottato fino all’ultimo minuto. Abbiamo avuto tante occasioni, ma il pallone non entrava: sono contento che alla fine siano arrivati i miei due gol. Noi vogliamo giocare alti, vogliamo fare gioco e ci sta rischiare qualcosa dietro, nelle ripartenze degli avversari”. Lo ha detto, a Mediaset premium, Mauro Icardi, che ha regalato la prima vittoria in campionato all’Inter, rifilando una doppietta al Pescara. “Stiamo facendo quello che ci chiede l’allenatore – aggiunge – abbiamo disputato una partita di grande intensità e, alla fine, questo atteggiamento ci ha ripagati. Dediche per questi due gol? No, nessuna in particolare: segnare è il mio mestiere”. “Che Inter-Juve sarà? La Juve è la squadra da battere – conclude l’argentino – è quella che ha vinto negli ultimi anni e sarà molto dura. Si sono rinforzati, ma anche da noi sono arrivati grandi giocatori. Vedremo come andrà. Il rinnovo? Ho parlato con la società, si è sistemato tutto e sono tranquillo”.

L’INTER RIMONTA E VINCE

DE BOER – “Ho visto una squadra che voleva vincere e questo era molto importante. Nel primo tempo abbiamo fatto bene, se analizziamo le occasioni del Pescara sono tutte nate da nostri errori. Abbiamo perso un pò la testa dopo il gol subito e abbiamo rischiato il 2-0. Poi, però, abbiamo meritato la vittoria, creando occasioni e non sfruttando i loro errori“. Così Frank De Boer commenta, a Mediaset premium, la vittoria dell’Inter a Pescara. “Abbiamo avuto troppa voglia di pareggiare e abbiamo lasciato troppo il campo aperto: Handanovic ha fatto una grandissima parata nell’occasione in cui potevano raddoppiare – spiega l’allenatore olandese dell’Inter -. Sono molto soddisfatto anche della sua prestazione, ha parato tutto. Dobbiamo migliorare in alcune situazioni, ma siamo migliorati rispetto alle prime due gare. Triplo cambio? Abbiamo un’ottima squadra, ho visto dei giocatori stanchi e ho fatto tutti e tre i cambi. Alla fine a scelta è stata giusta, perché abbiamo vinto: non giochiamo con 11 giocatori, ma lo facciamo con 25. Dobbiamo vincere tutti insieme, questa è la cosa più importante per me”. “La partita contro la Juventus? Sarà interessante – conclude – ma siamo convinti di poter rendere difficile la loro vita. Dobbiamo migliorare in alcuni aspetti, perdiamo il pallone troppo facilmente e la Juve ha più qualità rispetto al Pescara. Contro la Juve con Gabigol? Ha dimostrato di essere un giocatore fantastico, tutti i club europei lo vorrebbero in squadra. Prima di tutto spero arrivi presto così potrà capire come giochiamo”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close