• 26 Maggio 2024 2:17

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Cortei in tutta Italia. A Milano contestazioni contro la Brigata Ebraica

Apr 25, 2019

Forti contestazioni, a Milano, da parte dei manifestanti pro Palestina al passaggio della Brigata Ebraica durante il corteo del 25 aprile. Via i sionisti dal corteo e Israele Stato terrorista, gli slogan usati. Anche se accesa la contestazione non ha provocato incidenti. Il passaggio dei reduci dai lager, riuniti sotto i cartelli dei vari campi, stato invece applaudito dai manifestanti pro Palestina che inneggiano all’Intifada e contro Israele.

In testa le autorit con il sindaco Giuseppe Sala e i gonfaloni dei Comuni. Nel corteo anche il segretario del Pd Nicola Zingaretti, appena dietro la prima fila tra i partecipanti del suo partito. Commentando quanto accaduto in citt alla vigilia, con gli ultras della Lazio che hanno esposto uno striscione inneggiante a Mussolini e la corona della lapide di un partigiano che stata incendiata, Zingaretti richiama l’attenzione sulle risposte pi belle a queste provocazioni venute dalle piazze piene di italiani che difendono la libert e la democrazia. Unico esponente dell’esecutivo, non in veste istituzionale, il sottosegretario agli Affari regionali Stefano Buffagni (sono qui quindi il governo presente. Mi sembra un segnale abbastanza chiaro, poi la festa di tutti e non vogliamo che qualcuno se ne appropri perch sarebbe una strumentalizzazione che in questo momento non utile).

Ognuno responsabile delle proprie azioni, ma credo che un amministratore di qualsiasi livello e colore politico abbia il dovere di partecipare alle celebrazioni. Cos la sindaca Chiara Appendino, a margine della commemorazione al cimitero monumentale di Torino. Mi riferisco al governo, ai ministri. Credo sia un sgarbo istituzionale non essere presenti a un momento della comunit e di un Paese intero. Abbiamo la responsabilit di festeggiare cercando di mantenere vivi i valori del 25 aprile

Il corteo promosso dall’Anpi di Napoli in occasione della festa della Liberazione, partito da piazza Carit dopo la deposizione della corona di fiori al monumento dedicato a Salvo D’acquisto, alla presenza del sindaco di Napoli De Magistris e del presidente della Camera, Fico, ha successivamente raggiunto il Maschio Angioino. Presenti delegazioni di Cgil, Cisl, Uil, Libera, Udu e Gd. Lungo il percorso, la banda musicale che precedeva il corteo ha intonato Bella Ciao, accompagnato dal coro spontaneo dei partecipanti.

stato il corteo pi grande degli ultimi anni e ce ne era bisogno. Grazie ai partigiani. Ha chiuso cos dal palco di Porta San Paolo nella Capitale il presidente romano dell’associazione Fabrizio De Sanctis secondo cui i geni del populismo sono nei dittatori del passato. Erano i progenitori dei populismi di oggi, i duci.

Ad Ancona le cerimonie si sono svolte, come sempre, davanti a fasci littori che si trovano sul maestoso Monumento ai caduti, al Passetto, realizzato negli anni Venti del Novecento dall’architetto Guido Cirilli, e su Palazzo del Popolo, sede principale del Comune di Ancona. Una particolarit che spesso stata motivo di vanto per gli anconetani e anche per tanti partigiani e rappresentanti dei partigiani (la dimostrazione che siamo in democrazia). Oggi il piazzale antistante il Monumento ha ospitato la solenne cerimonia a cura del Comando Scuole della Marina Militare in ricordo dei caduti, alla presenza del sindaco Valeria Mancinelli, del prefetto Antonio D’Acunto, il comandante del comandante del Comando Scuole della Marina Militare Alberto Bianchi, del presidente del Consiglio regionale delle Marche Antonio Mastrovincenzo e della presidente dell’Anpi Ancona Tamara Ferretti, che hanno deposto delle corone.

© Riproduzione riservata

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close