• 5 Ottobre 2022 8:34

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Controstoria della redazione del Sole, comunicato sindacale / 3

Ott 27, 2016

Ecco la terza puntata. Continua la pubblicazione di comunicati con i discorsi tenuti dal comitato di redazione all’assemblea degli azionisti nel corso degli ultimi anni. A testimonianza della presenza critica dei giornalisti, che, purtroppo inascoltati, hanno segnalato a tempo debito quello che non funzionava. Una piccola controstoria del Sole 24 Ore, una lettura ancora istruttiva ad anni di distanza.

Il Cdr

INTERVENTO CDR ALL’ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI 2013

Signor presidente, signora amministratore delegato, signori consiglieri e sindaci, signori azionisti, le acquisizioni improvvide che poi danno luogo a svalutazioni? La redazione le contest 3 anni fa. La scarsa attenzione al core business del gruppo, l’informazione, a vantaggio di una diversificazione assai dispendiosa e poco redditizia? Censurata dai giornalisti del Sole 24 Ore qui in assemblea e anche altrove. La turbolenza del management che ha portato a cambiare pi volte la prima fila dell’azienda (malcontati, al netto di 3 direttori del quotidiano, 2 amministratori delegati, 3 capi del personale, 2 direttori dell’Editrice, 4 responsabili della concessionaria di pubblicit)? Criticata con comunicati e altri interventi pubblici. Le operazioni immobiliari a dir poco avventate? Ricorrenti nelle critiche di questi anni. Una politica di remunerazione del vertice aziendale discutibile? Sottolineata un anno fa. Invano. La parte fissa dei compensi della prima linea del management aumentata l’anno scorso. Intanto i ricavi scendono e la politica della (sola) riduzione dei costi mostra ormai la corda. Come testimoniano i risultati.

Ieri dicevamo, adesso ribadirlo anche stucchevole. Per i punti critici erano stati visti e segnalati per tempo. Si preferito non ascoltare e procedere comunque. Certo arrivato il dramma della crisi economica innestato su una difficolt strutturale dell’editoria e un impatto pesante ci sarebbe comunque stato. La gestione del gruppo ci ha messo del suo, per. Con scelte sbagliate, altre tardive, altre ancora almeno discutibili che ci portano oggi a votare contro la proposta di bilancio.

Due esempi a loro modo cruciali. Sui due canali che pi ci stanno a cuore e che assicurano la redditivit dell’attivit editoriale: i ricavi diffusionali e quelli pubblicitari. Su questi ultimi pesa certo una recessione senza precedenti da cui non si intravede per ora l’uscita e ragioni specifiche che hanno colpito il Sole 24 Ore pi di altre testate, la revisione della normativa sulla pubblicit legale e finanziaria. Per, sul quotidiano, le performances sono assolutamente deficitarie: a fronte di un calo degli investimenti pubblicitari sui quotidiani stimato intorno al 17%, il calo dei ricavi della raccolta del quotidiano stato del 23% (19,5% a parit di perimetro) con un crollo di quasi 20 milioni. E non pare che questi primi 3 mesi dell’anno siano in miglioramento.

Sui ricavi diffusionali, quelli che pi chiamano in causa la redazione, riteniamo di avere le carte in regola. Alla prova dei fatti per e non per asserzione ideologica. Il 2012 stato un anno di leggera flessione, intorno al 2,5, 3%. Meglio del mercato. E la redazione ha dimostrato di essere tutt’altro che arroccata nella difesa dell’esistente (quale poi?). Ha invece promosso, senza chiedere un euro, una profonda riorganizzazione del modo e dei tempi del lavoro giornalistico, puntando in maniera assai pi decisa di quanto fatto in precedenza, sulle potenzialit del digitale. A riprova della bont della strada imboccata gi anni fa quando venne firmato il primo accordo sulla multimedialit.

Malgrado le difficolt oggettive create dall’applicazione di un ammortizzatore sociale, come la solidariet, che riduce ogni giorno il numero dei presenti in redazione, i giornalisti hanno dimostrato nei fatti una disponibilit totale alla copertura della cronaca finanziaria, economica, politica e giuridica in tempo reale. Aspettiamo per ancora il grande assente, pi volte sollecitato in passato, il nuovo sistema editoriale unico che permetta alla redazione di lavorare senza appesantimenti e passaggi anacronistici. Atteso prima dell’estate, arriver, speriamo, a settembre.

Ma il percorso ormai tracciato e i primi risultati sembrano incoraggianti, visto il numero di copie digitali diffuse attraverso le varie modalit nei primi mesi dell’anno che assegnano al Sole 24 Ore il primato in Italia. Fondamentale proseguire ancor pi celermente in questa direzione, senza ripensamenti o anacronistiche frenate. Non la funzione del quotidiano a essere superata. la velocit con la quale le cronache e le analisi raggiungono il lettore. A non essere pi al passo con le esigenze informative di un sistema che attinge da sempre e nuove e diverse fonti in tempo reale. Il modello cartacentrico si avva oltretutto a un declino irreversibile: a testimoniare la sua difficile sostenibilit c’, i dati sono l a dimostrarlo, il volume dei costi diretti del nostro quotidiano (stampa e distribuzione) che aumentato sino a toccare i 91 milioni e che pesa ormai per oltre il 100% dei ricavi diffusionali. E il confronto con il costo del lavoro d un risultato chiaro: non il personale, tanto meno quello giornalistico, il problema.

Il costo del lavoro nel 2012 sceso infatti di quasi 8 milioni, per effetto in gran parte dei contratti di solidariet. E scender ancora nel 2013 per effetto del medesimo ammortizzatore applicato a poligrafici e grafici. Nel 2012 le perdite per sono di oltre 5 volte superiori al 2011. comunque pi che raddoppiate al netto di svalutazioni e oneri di chiusura e ristrutturazione. La redazione allora c’ e ci sar sui temi e sui tempi di uno sviluppo vero. Al management chiediamo coerenza nel taglio degli sprechi, che ancora ci sono, e nel sostegno delle linee di sviluppo con al centro il rafforzamento dell’informazione, in tutte le sue declinazioni, in tempo reale e a pagamento. Lo invitiamo anche, tanto pi necessario in tempi di crisi, a un standing adeguato di etica personale. Pari almeno a quello che rivendichiamo nei confronti della classe politica del paese. All’azionista sollecitiamo un’attenzione continua in termini di verifica al piano industriale e di sostegno agli investimenti. Senza indulgenze per logiche di un passato, ahim troppo recente, che molto ha a che vedere con logiche da basso impero e poco con l’efficienza. In conclusione, a tutti deve essere chiara una cosa: la sfida che abbiamo davanti non riguarda l’esistenza del giornalismo. Che c’era, c’ e ci sar: risponde a un’esigenza invariata della societ civile e della comunit economica di potere contare su un’informazione competente e autorevole. E la redazione del Sole 24 Ore, vera ricchezza dell’intero gruppo che senza un quotidiano non avrebbe pi senso, ha tutta la competenza e l’autorevolezza per stare in campo sia nel difficile presente sia nell’incerto futuro.

© Riproduzione riservata

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close