• 1 Luglio 2022 10:56

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Caso Yara, i difensori di Bossetti depositano il ricorso contro la condanna all’ergastolo

Nov 12, 2016

I difensori di Massimo Bossetti, Claudio Salvagni e Paolo Camporini, hanno presentato intorno alle 12.30 in tribuanale a Como il ricorso contro la condanna all’ergastolo per il muratore di Mapello emessa il 2 luglio scorso dalla corte d’Assise di Bergamo, presieduta da Antonella Bertoja. “Abbiamo trascorso notti insonni per preparare il ricorso”, ha detto l’avvocato Paolo Camporini.

Dna, furgone bianco, fibre tessili e sfere metalliche: le prove dell’accusa

A consegnare fisicamente il plico di 258 pagine alla cancelleria penale di Como è stato l’avvocato Claudio Salvagni. Il ricorso non si limita ad attaccare la prova regina dell’accusa, il Dna di Bossetti sugli indumenti di Yara, ma le indagini nella loro globalità. Salvagni è stato accompagnato da due consulenti: il criminologo Ezio Denti e dal professore Sergio Novali.

“Bossetti ha ancora fiducia nella giustizia” ha detto l’avvocato Claudio Salvagni dopo aver depositato il ricorso. “Il processo non regge, ci siamo trovati di fronte a una sentenza e a un processo che ha fatto a stracci il diritto sostanziale, il diritto processuale e il diritto costituzionale – ha aggiunto riferendosi alle conclusioni della corte

d’Assise di Bergamo – Abbiamo assistito a un processo dove i consulenti hanno fatto a gara per smentire loro stessi. Si è letteralmente fuggiti al confronto con la difesa in materia di prova scientifica”.

Il processo di secondo grado si terrà davanti alla corte d’Assise e d’Appello di Brescia.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close