• 15 Giugno 2024 6:53

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Bundesliga senza Fortuna, gelata la festa di Dusseldorf

Mag 28, 2024

AGI – Una rimonta epica che tiene il Bochum in Budesliga e fa sfumare il sogno del Fortuna Duesseldorf di tornarvi dopo quattro anni di purgatorio. Sembrava tutto apparecchiato per la squadra renana, arrivata terza in seconda divisione dietro a St. Pauli e Holstein Kiel: era imbattuta da febbraio, all’andata aveva vinto 3-0 in casa del Bochum (arrivato allo spareggio da terz’ultimo nella serie maggiore) e all’Esprit Arena 50mila tifosi erano pronti a far festa, con un gigantesco striscione “Fortuna vince”. Invece i biancoblu di Heiko Butscher hanno ribaltato il risultato nei 90 minuti, con la doppietta di Hofmann (autore di un autogol all’andata) al 18mo e al 66mo e la rete del centrocampista austriaco Kevin Stoeger su rigore al 70mo. Quest’ultimo, un ex avendo giocato due stagioni a Duesseldorf, è stato il protagonista assoluto con due assist e la trasformazione del penalty che si era procurato.

 

Per la prima volta da quando è stato introdotto nel 2008, lo spareggio tra terz’ultima di Bundesliga e terza della Zweite è finito ai rigori. Solo in tre occasioni, peraltro, c’è stata una promozione e non una retrocessione evitata. Gli ospiti si sono divorati il gol del 4-0 nel recupero con Takuno Asami, poi i supplementari con poche emozioni e infine i rigori: ci sono stati subito due parate, di Andreas Luthe per il Bochum e di Florian Kastenmeier per il Duesseldorf, poi solo gol fino quando il giapponese Takashi Uchino ha spedito la palla sulla traversa, materializzando l’incubo per i biancorossi.

 

Il Bochum resta in Bundsliga per la quarta stagione di fila, il Fortuna di Daniel Thioune resta in Zweite dove si ritroverà con Darmstadt e Colonia, le due retrocesse dalla Bundesliga. “Ci eravamo così vicini, fa ancora più male”, si è sfogato il ds del Fortuna, Klaus Allofs. Lo storico club fu fondato nel 1895 ispirandosi per il nome alla carrozza trainata da cavalli di un panificio che si chiamava Fortuna e non alla Dea del caso e del destino dell’Antica Roma. Mai come stavolta, però, non si è rispecchiato nel suo motto che coniò il padre della ginnastica tedesca, Friedrich Ludwig Jahn: ‘frisch, fromm, frohlich, frei’ (fresco, pio, felice e libero), le quattro effe poi confluite in quella unica del logo. 

AGI – Una rimonta epica che tiene il Bochum in Budesliga e fa sfumare il sogno del Fortuna Duesseldorf di tornarvi dopo quattro anni di purgatorio. Sembrava tutto apparecchiato per la squadra renana, arrivata terza in seconda divisione dietro a St. Pauli e Holstein Kiel: era imbattuta da febbraio, all’andata aveva vinto 3-0 in casa del Bochum (arrivato allo spareggio da terz’ultimo nella serie maggiore) e all’Esprit Arena 50mila tifosi erano pronti a far festa, con un gigantesco striscione “Fortuna vince”. Invece i biancoblu di Heiko Butscher hanno ribaltato il risultato nei 90 minuti, con la doppietta di Hofmann (autore di un autogol all’andata) al 18mo e al 66mo e la rete del centrocampista austriaco Kevin Stoeger su rigore al 70mo. Quest’ultimo, un ex avendo giocato due stagioni a Duesseldorf, è stato il protagonista assoluto con due assist e la trasformazione del penalty che si era procurato.
 
Per la prima volta da quando è stato introdotto nel 2008, lo spareggio tra terz’ultima di Bundesliga e terza della Zweite è finito ai rigori. Solo in tre occasioni, peraltro, c’è stata una promozione e non una retrocessione evitata. Gli ospiti si sono divorati il gol del 4-0 nel recupero con Takuno Asami, poi i supplementari con poche emozioni e infine i rigori: ci sono stati subito due parate, di Andreas Luthe per il Bochum e di Florian Kastenmeier per il Duesseldorf, poi solo gol fino quando il giapponese Takashi Uchino ha spedito la palla sulla traversa, materializzando l’incubo per i biancorossi.
 
Il Bochum resta in Bundsliga per la quarta stagione di fila, il Fortuna di Daniel Thioune resta in Zweite dove si ritroverà con Darmstadt e Colonia, le due retrocesse dalla Bundesliga. “Ci eravamo così vicini, fa ancora più male”, si è sfogato il ds del Fortuna, Klaus Allofs. Lo storico club fu fondato nel 1895 ispirandosi per il nome alla carrozza trainata da cavalli di un panificio che si chiamava Fortuna e non alla Dea del caso e del destino dell’Antica Roma. Mai come stavolta, però, non si è rispecchiato nel suo motto che coniò il padre della ginnastica tedesca, Friedrich Ludwig Jahn: ‘frisch, fromm, frohlich, frei’ (fresco, pio, felice e libero), le quattro effe poi confluite in quella unica del logo. 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close