• 4 Ottobre 2022 18:01

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Brindisi, una madre denuncia: “Mio figlio disabile aggredito sullo scuolabus”

Ott 19, 2016

BRINDISI – Torna a casa col volto pieno di graffi ed escoriazioni e la mamma denuncia: “Mio figlio è stato aggredito sullo scuolabus che lo porta a scuola a Brindisi”. Non ha dubbi la madre del 13enne disabile che dal 30 settembre scorso non vuole più saperne di mettere piede sul pulmino della Stp per andare a scuola. La donna ha presentato denuncia in questura. Alla querela sono allegate le foto in cui si vede nitidamente il volto del ragazzino coperto di graffi.

Madre e figlio vivono in campagna, a pochi chilometri di distanza da Brindisi, dove il ragazzo frequenta la scuola media. Lo studente, affetto da una grave forma di disabilità, viaggia da sempre sullo scuolabus. Ma a quanto pare mai prima d’ora aveva avuto reticenze a salire sul mezzo pubblico, dove fra l’altro è garantita la presenza quotidiana di personale addetto all’assistenza degli alunni diversamente abili.

Nella denuncia la donna ha scritto di essere stata informata dei graffi sul viso del figlio direttamente dalla scuola. Secondo gli insegnanti, che hanno riferito ala versioni

delle assistenti, il ragazzino si sarebbe fatto male da solo in seguito a una crisi. A detta del personale Stp, insomma, si sarebbe trattato di atti di autolesionismo. Una versione alla quale la mamma del ragazzo non crede: da qui la denuncia sulla quale farà chiarezza la magistratura. La Società trasporti pubblici, per mezzo del presidente Maurizio Falcone, ha fatto sapere alla donna che avvierà “indagini interne per capire cosa possa essere accaduto”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close