Elettrificazione e automazione, processi inevitabili. Sul lungo termine, ha aggiunto Bigland nell’incontro con la stampa europea, “l’elettrificazione per FCA e Alfa Romeo sarà una necessità”. Oggi, ha affermato l’ad, “non annunciamo niente, ma le versioni ibride arriveranno. Così come l’automazione della guida: non è una questione di se, ma di quando. Entro cinque anni avremo modelli FCA con livello 3 o 4 di automazione”.

Le sfide della guida autonoma. Un progresso, quello della guida assistita, “solo in apparente contrasto con i valori di marchi come Alfa Romeo, Maserati e Ferrari”, che “non temono la guida autonoma, perché aggiungerà valore nelle situazioni in cui la guida non è piacevole, come nel traffico di Los Angeles”. I nodi da sciogliere, ha osservato Bigland, non mancano: “Per un’ampia diffusione, la guida autonoma dovrà affrontare il problema dell’interazione con i veicoli non autonomi e con l’elemento umano in generale. Oltre che la prospettiva dei veicoli completamente “driverless”, come i robotaxi, che porranno sfide ancora diverse.

Giorgio per le altre. Parlando di strategie, Bigland ha rivendicato la specificità tecnica dell’Alfa Romeo: “La piattaforma Giorgio è esclusiva nel Gruppo FCA, e così lo è l’architettura elettrica e d’infotainment di Giulia e Stelvio. Però”, e qui sta la novità, “alcune parti dell’architettura Giorgio potranno essere sfruttate per creare nuovi modelli nell’ambito del gruppo, su marchi sia meno prestigiosi sia più prestigiosi”.

Bocche cucite sui prossimi modelli. A questo punto, il discorso si fa più vago: Bigland e i suoi colleghi non scendono in dettagli sui modelli futuri dell’Alfa, come la Giulia Wagon cui ha recentemente accennato Sergio Marchionne. “Oggi ci concentriamo sulla Stelvio. Anche perché insiste nel segmento in più forte crescita dell’area Nafta, e personalmente credo che siamo arrivati in un momento ideale. Con la Quadrifoglio”, aggiunge il manager, “offriamo un modello che ha 65 CV più della Macan Turbo. E se riuscissimo a ottenere anche una parte del suo successo, saremo contenti”.

Le Suv che verranno. Il futuro a ruote alte dell’Alfa, comunque, non si ferma qui: “Se il mercato chiede Suv, noi gliele daremo: più grandi o più piccole della Stelvio, comunque le faremo. Guardate la Maserati Levante: è appena arrivata e già adesso fa da sola la metà delle vendite del marchio”. Nessuna novità invece sul fronte motorsport: “Le nostre priorità oggi si chiamano Giulia e Stelvio: non abbiamo niente da annunciare al momento”.

Da Los Angeles, Fabio Sciarra