• 31 Maggio 2023 21:24

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

A Parigi 2024 atleti russi e bielorussi ammessi ma senza bandiera

Mar 28, 2023

AGI – Sono durate circa quattro mesi le consultazioni con tutte le parti interessate del Movimento Olimpico per ‘esplorare’ un percorso finalizzato alla riammissione alle competizioni internazionali degli atleti con passaporto russo o bielorusso che erano sospesi dal 28 febbraio dello scorso anno a seguito dell’invasione militare di Mosca in Ucraina durante il periodo di tregua olimpica.

Quanto deciso oggi a Losanna dall’Esecutivo del Comitato Olimpico Internazionale è stato un piccolo passo in uno scenario geopolitico internazionale difficile e intricato. Gli atleti russi e bielorussi potranno ritornare a gareggiare in forma neutrale e individuale – sono escluse le squadre nazionali dei due Paesi – con l’obiettivo di qualificarsi per le Olimpiadi di Parigi 2024 e successivamente per i Giochi olimpici invernali di Milano Cortina 2026.

La decisione finale se russi e bielorussi saranno ammessi ai Giochi nella capitale francese verrà presa in un secondo momento anche in base agli sviluppi internazionali e al rispetto dei criteri stabili dall’Esecutivo.

Con il ‘semaforo verde’ da parte del Cio per gli atleti, allenatori e staff russi e bielorussi, le Federazioni internazionali, o gli stessi organizzatori delle gare, dovranno controllare i requisiti ma anche predisporre documentazione sufficiente al fine del rilascio dei ‘visti’ presso le strutture diplomatiche straniere presenti in Russia e Bielorussia.

Le ‘raccomandazioni’ che dovranno essere recepite dalle Federazioni internazionali dei singoli sport definite oggi dall’Esecutivo del Cio sono sei. La prima, gli atleti con passaporto russo o bielorusso devono competere solo come ‘Atleti Neutrali Individuali’; la seconda, non possono essere prese in considerazione squadre di atleti con passaporto russo o bielorusso; la terza, gli atleti e il personale di supporto che sostengono attivamente la guerra non possono competere o essere accreditati; la quarta, gli atleti e il personale di supporto a contratto con le agenzie militari o di sicurezza nazionale russe o bielorusse non possono competere, la quinta, gli ‘Atleti Neutrali Individuali‘, come tutti gli altri atleti partecipanti, deve soddisfare tutti i requisiti dell‘antidoping;. La sesta ‘raccomandazione’ riguarda le sanzioni che restano in vigore contro i responsabili della guerra, gli Stati e i governi russo e bielorusso.

Inoltre, nessun evento sportivo internazionale organizzato o sostenuto da una Federazione internazionale dovrà svolgersi in Russia o Bielorussia, nessuna bandiera, inno, colore o qualsiasi altra identificazione dei due Paesi dovrà apparire a qualsiasi evento sportivo, e nessun funzionario del governo o statale russo e bielorusso dovrà essere accreditato per eventi sportivi internazionali. 

AGI – Sono durate circa quattro mesi le consultazioni con tutte le parti interessate del Movimento Olimpico per ‘esplorare’ un percorso finalizzato alla riammissione alle competizioni internazionali degli atleti con passaporto russo o bielorusso che erano sospesi dal 28 febbraio dello scorso anno a seguito dell’invasione militare di Mosca in Ucraina durante il periodo di tregua olimpica.
Quanto deciso oggi a Losanna dall’Esecutivo del Comitato Olimpico Internazionale è stato un piccolo passo in uno scenario geopolitico internazionale difficile e intricato. Gli atleti russi e bielorussi potranno ritornare a gareggiare in forma neutrale e individuale – sono escluse le squadre nazionali dei due Paesi – con l’obiettivo di qualificarsi per le Olimpiadi di Parigi 2024 e successivamente per i Giochi olimpici invernali di Milano Cortina 2026.
La decisione finale se russi e bielorussi saranno ammessi ai Giochi nella capitale francese verrà presa in un secondo momento anche in base agli sviluppi internazionali e al rispetto dei criteri stabili dall’Esecutivo.
Con il ‘semaforo verde’ da parte del Cio per gli atleti, allenatori e staff russi e bielorussi, le Federazioni internazionali, o gli stessi organizzatori delle gare, dovranno controllare i requisiti ma anche predisporre documentazione sufficiente al fine del rilascio dei ‘visti’ presso le strutture diplomatiche straniere presenti in Russia e Bielorussia.
Le ‘raccomandazioni’ che dovranno essere recepite dalle Federazioni internazionali dei singoli sport definite oggi dall’Esecutivo del Cio sono sei. La prima, gli atleti con passaporto russo o bielorusso devono competere solo come ‘Atleti Neutrali Individuali’; la seconda, non possono essere prese in considerazione squadre di atleti con passaporto russo o bielorusso; la terza, gli atleti e il personale di supporto che sostengono attivamente la guerra non possono competere o essere accreditati; la quarta, gli atleti e il personale di supporto a contratto con le agenzie militari o di sicurezza nazionale russe o bielorusse non possono competere, la quinta, gli ‘Atleti Neutrali Individuali’, come tutti gli altri atleti partecipanti, deve soddisfare tutti i requisiti dell’antidoping;. La sesta ‘raccomandazione’ riguarda le sanzioni che restano in vigore contro i responsabili della guerra, gli Stati e i governi russo e bielorusso.
Inoltre, nessun evento sportivo internazionale organizzato o sostenuto da una Federazione internazionale dovrà svolgersi in Russia o Bielorussia, nessuna bandiera, inno, colore o qualsiasi altra identificazione dei due Paesi dovrà apparire a qualsiasi evento sportivo, e nessun funzionario del governo o statale russo e bielorusso dovrà essere accreditato per eventi sportivi internazionali. 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close