MILANO – Ore 9.30 Le Borse europee recuperano in avvio dopo la giornata in flessione di ieri, con Wall Street che ha chiuso in calo dopo cinque sedute consecutive positive. Il focus dei mercati, oltre che l’andamento dei contagi, resta puntato sugli Stati Uniti, con la richiesta di impeachment per il presidente uscente Donald Trump che è stata formalmente presentata dai democratici.

Sulla sponda italiana giornata decisiva per le sorti dell’esecutivo. Questa sera il consiglio dei ministri dovrebbe dare il via libera al Recovery Plan, ma sul vertice incombe il possibile addio di Italia Viva dal governo, con la possibile apertura di una crisi che potrebbe portare il Paese di nuovo al voto. Uno prospettiva che però non sembra convincere gli investitori a giudicare dalle scarse tensioni sui titoli di stato italiani. In mattinata lo spread è in lieve discesa a 105 punti, dai 106 della chiusura di ieri.

In Europa l’avvio come detto è positivo: Londra avanza dello 0,26%, a Milano l’indice Ftse Mib segna +0,28%, Francoforte sale dello 0,35% e Parigi dello 0,06%.

Sul fronte delle valute, rallenta invece il dollaro con i tassi sui Treasury Usa che si stabilizzano dopo gli ultimi rialzi. La divisa Usa viene scambiata a 1,2153 al cambio con un euro mentre un dollaro vale 104,23 yen.

Ancora sull’ottovolante il Bitcoin, che dopo avere perso il 20% nella giornata di ieri, rivedendo quota 30 mila, oggi si riguadagna terreno e supera in mattinata i 35 mila dollari. In Asia listini misti, con Tokyo che archivia la seduta con un debole +0,09%, appesantita per la ripresa dei contagi in Giappone.

Tra le commodities, sono in rialzo i prezzi del petrolio. Il greggio Wti del Texas sale dello 0,52% a 52,5 dollari al barile mentre il Brent del Mare del Nord avanza dello 0,41% a 55,89 dollari. In salita anche l’oro: sui mercati asiatici il metallo con consegna immediata avanza dello 0,89% a 1860 dollari.