• 29 Gennaio 2022 8:50

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Di Maio esclude la crisi: «Vediamoci oggi con Salvini e andiamo avanti»

Lug 19, 2019

LE TENSIONI NELLA MAGGIORANZA

Crisi di Governo? Il capo del M5s cerca di spegnere le polemiche con Salvini: «È meglio vedersi, anziché parlarsi. Ci chiariamo e andiamo avanti, oggi, perché oggi c’è il Consiglio dei ministri e il tavolo autonomia». E sui fondi russi: «Se avessi sospetti su Salvini non sarei al Governo»

19 luglio 2019


Tensioni tra alleati di governo

2′ di lettura

«Escludo che possa esserci una crisi. Mi hanno sempre insegnato “male non fare, paura non avere”: dobbiamo realizzare riforme importanti». Così il vicepremier e ministro Luigi Di Maio ad Agorà Estate, in riferimento ai dissapori nell’Esecutivo con l’alleato Matteo Salvini, precisando: «L’unica cosa che dico è che è meglio vedersi, anziché parlarsi, è giusto che ci incontriamo, ci chiariamo e andiamo avanti, oggi, perché oggi c’è il Consiglio dei ministri e il tavolo autonomia». Ma ieri Salvini aveva detto: «Non vado al Consiglio dei ministri e neanche al vertice sulle Autonomie. Il venerdì lo dedico ai figli e non a Di Maio».

LEGGI ANCHE / Salvini: «Ho perso la fiducia», domani niente Cdm. Di Maio: se vuole la crisi lo dica – Tutti i fronti aperti

«Se avessi sospetti su Salvini non sarei al governo». Questo il commento di Di Maio a proposito sulla questione dei presunti fondi russi e la Lega. Il capo del M5s ha ricordato che Salvini «ha affermato che prima del 24 andrà in Parlamento» e ha annunciato una Commissione di inchiesta sui fondi avuti da tutti i partiti: «incluso il nostro», ha precisato.

GUARDA IL VIDEO / Russia-gate, Salvini: le accuse sono false, è che siamo scomodi

«Credo che i cittadini vogliano sapere che cosa succede sulle tasse, sul costo del lavoro, sul canone Rai, sulla sanità», ha quindi aggiunto Di Maio. Portiamo ai cittadini soluzioni non problemi». E poi: «Facciamo la legge di bilancio con il salario minimo e la riduzione del cuneo fiscale». Sulla questione del doppio mandato, Di Maio ha detto: «Stiamo solo pensando ai nostri consiglieri comunali che dopo l’esperienza fatta è giusto che possano portarla altrove. Per il resto il secondo mandato non è in discussione. Io resterò capo politico del Movimento fino a quando non scadrà il mio mandato. Poi magari potrò anche ricandidarmi, si vedrà».

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close