Un nome ricco di fascino, specie per gli amanti di Ritorno al Futuro e degli anni Ottanta, quello di John DeLorean. Ex-manager General Motors, di grande livello nonostante le umili origini. Ebbe successo e notorietà globale grazie alla sua creazione più futurista, da imprenditore, la DMC-12. Di cose non comuni come quella vettura però, ne ha fatte anche altre durante una vita che lo ha visto essere molto ricco, molto povero e anche molto amato.

Donne, oltre che motori, per una vita da star anche quando noi non sapevamo che auto fosse quella di Marty McFly, perché nemmeno avevamo visto la prima delle tre edizioni di Ritorno al Futuro. L’apice della notorietà in patria, DeLorean lo ha infatti avuto ben prima di quel 1985 che ha consacrato il suo nome in Europa. Era un grande designer, dice lo stesso Baldwin che lo ha interpretato in questo docu-film, ma pare che a livello di gestione di un’intera azienda le cose gli sfuggirono di mano, visto che la produzione e l’azienda stessa cessarono di esistere in breve (sebbene oggi riviva parzialmente il mito piccole serie di repliche).

Proprio negli anni del film con Michael J. Fox, DeLorean si trovava nelle grane con la giustizia, per droga. Perse grandi possedimenti negli USA e nonostante una serie di assoluzioni e accuse, lasciò parecchi debiti alla sua morte.

Nel cast di questo film che sicuramente potrà appassionare molti amanti dei motori, ci sono anche Morena Baccarin, Josh Charles, Dean Winters, Michael Rispoli, Jason Jones, Dana Ashbrook, Josh Cooke e Sean Cullen.