CITTA’ DEL VATICANO – Monsignor Massimo Palombella ha concluso il suo servizio come Maestro direttore della Cappella musicale pontificia, il coro polifonico che accompagna le liturgie presiedute dal Papa.. Il Papa “ha accolto la richiesta del maestro di terminare il suo incarico”, riferisce il Bollettino della sala stampa vaticana. La decisione è stata presa dopo aver raccolto il concorde parere della congregazione dei Salesiani e dell’Ufficio delle celebrazioni liturgiche. Palombella è ora a disposizione dei salesiani.

A settembre 2018, il Vaticano aveva comunicato che era stata autorizzata un’indagine sugli aspetti economico-amministrativi del Coro della Sistina. L’inchiesta aperta dalle autorità vaticane riguardava il direttore amministrativo Michelangelo Nardella e lo stesso monsignor Massimo Palombella, direttore dal 2010. Gli inquirenti d’Oltretevere sospettavano un uso “disinvolto” degli introiti dei concerti, indirizzati su un conto presso una banca italiana. Le ipotesi di reato erano riciclaggio, truffa aggravata ai danni dello Stato e peculato.

A gennaio di quest’anno il pontefice, con un motu proprio sulla Cappella musicale pontificia, ha deciso di dare un nuovo assetto alla struttura, di fatto commissariandola: l’ha posta all’interno dell’ufficio delle celebrazioni liturgiche del sommo pontefice, nominando responsabile monsignor Guido Marini, maestro delle celebrazioni del Papa, e sovrintendente economico monsignor Guido Pozzo.

La guida ad interim della Cappella musicale pontificia Sistina è stata affidata a monsignor Marcos Pavan, attualmente maestro dei Pueri cantores della medesima Cappella Sistina.