Populismo, politica e morbillo. Via editoriale il New York Times mette nel mirino i Cinque Stelle e ammonisce sul pericolo che in questi tempi di post verit possono rappresentare le bugie, le teorie cospirative e le illusioni diffuse dai social media e dai politici populisti. Tra gli esempi citati, l’opposizione ai vaccini che ha portato ad una grave diffusione di morbillo in Italia e in alcuni altri Paesi europei.

Sotto accusa anche Trump

Il giornale ricorda che anche il presidente americano Donald Trump ha alimentato lo scetticismo sui vaccini, assecondando l’ipotesi – infondata – di un legame con l’autismo. In Italia – scrive il quotidiano – il movimento populista Cinque stelle (M5s) guidato dal comico Beppe Grillo ha fatto attivamente campagna su una piattaforma anti vaccini, ripetendo i falsi legami tra vaccinazioni ed autismo. Per questi e altri scettici, la diffusione del morbillo in Italia dovrebbe suonare come un allarme forte, ammonisce il New York Times citando l’aumento di caso dal 2015.

Capua: vaccini salvano la vita, giusto obbligatori per la scuola

Il calo tra i bambini

Osserva il giornale che l’M5s forse non responsabile per l’intera diffusione, dato che lo scetticismo sui vaccini anteriore alla crescita del partito. Ma la percentuale di bambini vaccinati calata costantemente negli anni

recenti. Combattere lo scetticismo sui vaccini – conclude il quotidiano – non facile, perch neppure gli innumerevoli studi sanitari che negano qualsiasi legame tra vaccini e autismo sono riusciti a penetrare la coltre distesa da Grillo e persone come lui. La diffusione del morbillo fornisce alle autorit sanitarie un’opportunit di rafforzare la loro argomentazione sottolineando la concreta evidenza di quello che segue inevitabilmente quando le vaccinazioni calano.

© Riproduzione riservata