Una recente ricerca inglese condotta per conto dell’accademia Escape Studio a partire da un campione di 500 genitori e 500 studenti (con età compresa tra i 16 e i 25 anni) rivela che il 43% dei genitori tende a spingere i figli nella scelta di carriere “tradizionali” come ad esempio l’ingegneria e la contabilità. Per quanto il 71% degli studenti affermi di desiderare di lavorare nel settore creativo, il 63% si sente spinto a scegliere una carriera diversa per poter soddisfare le aspettative altrui.

Inoltre, il 40% degli studenti ritiene di non aver ottenuto sufficienti informazioni dagli educatori riguardo le possibilità di ingresso nel settore professionale. I corsi legati ai videogame sono di grande interesse per i giovani, con il 30% degli intervistati che considerano una carriera nel game design, il 21% in VFX e il 13% nel lato artistico. Pare però che un terzo di questi non siano in grado di capire se ci sono possibilità di carriera: il 41% ritiene di non essere stato guidato nel modo migliore a causa del fatto che gli insegnanti non prendono in considerazione i percorsi di formazione meno tradizionali.

Digital Bros Game Academy svolge un ottimo lavoro d’informazione

Dal 2010 al 2017 il settore creativo è cresciuto del 53.1%, con i videogame che occupano più della metà del mercato sul suolo inglese, eppure circa un terzo dei genitori e degli studenti ritiene che l’arte e il design siano una delle materie meno importanti da studiare.

Il direttore di Escape Studios, Dr Ian Palmer, ha affermato: “L’industria creativa continua a crescere, eppure il numero di studenti consapevole delle opportunità di carriera disponibili è molto basso. In ogni caso, siamo felici di vedere che un’alta percentuale degli studenti inglesi mostrano interesse verso una carriera in questo ambito.

Per continuare a supportare la crescita dell’industria creativa inglese dobbiamo far crescere i giovani per farli diventare dei futuri talenti. Possiamo farlo creando un ambiente che informi gli studenti e i loro genitori delle opportunità nel settore creativo.