VERONA. Una notte nel letto di Giulietta a Verona con cena stellata prima di coricarsi. E’ il premio per una coppia la cui storia d’amore colpisca in modo particolare la giuria del concorso che prende il via domani. La trovata pubblicitaria nasce da un connubio pubblico-privato. Infatti dietro c’è il colosso Airbnb. Di regola l’edificio storico in via Cappello a Verona è chiuso al pubblico e gli innamorati si limitano a passare con lo sguardo rivolto all’insù sotto le finestre dell’innamorata infelice.Il colosso turistico ha scelto Verona per la prossima campagna di comunicazione internazionale che da domani coinvolgerà oltre 20 Paesi in tutto il mondo.

A selezionare la coppia fortunata sarà il club di Giulietta, che durante tutto l’anno raccoglie missive di giovani innamorati. Sarà una giuria a scegliere i vincitori. Collaborano il Comune e alcuni partner locali, come il Club di Giulietta e lo chef stellato Giancarlo Perbellini. Airbnb inoltre sponsorizzerà con 90 mila euro la mostra di Caroto, che si terrà a novembre a Castelvecchio. La storia delle lettere a Giulietta risale al 1930, quando il custode della tomba della ragazza, Ettore Solimani, cominciò a raccogliere le prime lettere che i turisti sconsolati lasciavano sulla tomba. Lui cominciò a rispondere, diventando il primo segretario di Giulietta. Nel 1972 nacque il club, che ora gestisce anche un premio letterario sulla narrativa d’amore.

in riproduzione….

Condividi



“Per Verona – ha osservato il sindaco Federico Sboarina – significa una promozione internazionale senza precedenti, sia per l’originalità dell’iniziativa- mai prima d’ora si era potuto dormire all’interno della Casa di Giulietta -, sia per l’eco che essa avrà a livello mondiale, con una campagna mediatica massiccia”. In campo anche i social, per raggiungere il pubblico più giovane e amplificare la comunicazione. Il progetto prevede inoltre la sponsorizzazione da parte di Airbnb con 90 mila euro della mostra di Francesco Caroto, che si terrà a novembre al Museo di Castelvecchio.