Sì, l’uso prolungato del telefonino può causare tumori alla testa. La sentenza è stata pronunciata dalla Corte d’Appello di Torino che ha quindi confermato quella di primo grado emessa nel 2017 dal Tribunale di Ivrea, sul caso sollevato da un dipendente Telecom Italia colpito da neurinoma del nervo acustico. Contrariamente a quanto hanno concluso i ricercatori nel rapporto dell’Istituto Superiore di Sanità, Arpa Piemonte, Enea e Cnr-Irea, questa estate, che non avevano dato conferme all’aumento di neoplasie legato all’uso del cellulare, i giudici hanno stabilito che una correlazione evidentemente c’è.

Leggi anche: Tumori, la salvezza è in un cucchiaino da caffè. Svolta: la sostanza (quotidiana) che può guarirli

In passato sono stati pubblicati e diffusi diversi rapporti anche in contraddizione tra loro. Nel 2011 alcuni ricercatori dell’Organizzazione mondiale della Sanità erano però giunti alla conclusione che un uso prolungato e scorretto potrebbe favorire l’insorgenza di tumori.