Il Fisco scopre le carte con i contribuenti. Dal 16 aprile possibile accedere alla dichiarazione dei redditi precompilata 2018 modello 730 e Redditi online. Dal bonus casa alle spese sanitarie, Il Sole 24 Ore propone luned la mappa delle agevolazioni che i contribuenti troveranno gi inserite nella precompilata e quelle che, invece, dovranno essere aggiunte modificando il modello predisposto dall’Agenzia delle Entrate.

L’Esperto risponde: vademecum Iva verso il 30 aprile

Mancano due settimane alla scadenza dei termini per la presentazione della dichiarazione Iva annuale. In vista dell’appuntamento del 30 aprile, il settimanale di consulenza per i lettori “L’Esperto Risponde” illustra tutte le regole per compilare il modello 2018 e per non rischiare di perdere la detrazione d’imposta sulle fatture ricevute nel 2017ma non registrate in tempo. concordato.

Terzo settore, cos si riscrive lo statuto

Statuti da riscrivere per gli enti non profit che vogliono iscriversi al futuro Registro unico del Terzo settore. Il documento che fotografa il funzionamento delle organizzazioni dovr essere aggiornato alle regole della riforma in corso, scegliendo con cura i settori di attivit (in base ai nuovi criteri alcune attivit potrebbero diventare commerciali ai fini fiscali), e recependo le novit sul numero minimo di associati e sulla governance. Per gli enti con personalit giuridica, serve l’intervento del notaio.

Alla roulette delle liti fiscali: stesso tema, verdetti opposti

Una contestazione sui redditi dichiarati o una richiesta di rimborso o di compensazione negata, che sfociano nella notifica di un avviso di accertamento o di una cartella di pagamento. da situazioni come queste che si innesca il contenzioso tra contribuenti e Fisco di fronte alle commissioni tributarie. Si tratta di liti dall’esito spesso imprevedibile. Infatti, se si analizzano le decisioni dei giudici fiscali, facile imbattersi in orientamenti contrastanti, che a volte non ritrovano l’uniformit neppure dopo che a pronunciarsi sono state la Corte di giustizia Ue o la Cassazione.

Buche stradali, scale o piscine: chi paga per gli incidenti?

Gli incidenti stradali provocati da “ostacoli” imprevisti, come la comparsa di un animale in carreggiata. Le cadute causate da buche nell’asfalto o da scarsa manutenzione in luoghi privati. O le “scivolate” sui pavimenti bagnati e non segnalati di piscine, negozi o supermercati. Sono alcuni dei casi pi frequenti in cui, negli ultimi anni, i giudici hanno riconosciuto la responsabilit dell’ente pubblico o del proprietario (o gestore) privato, condannandoli a risarcire i danni alle vittime. Non si tratta, per, di un risultato scontato, perch nelle valutazioni della giurisprudenza entra anche il comportamento (attento o no) del danneggiato.

Studi professionali, il prestito servito

Avviare e mantenere uno studio uno dei principali ostacoli che il professionista deve fronteggiare per svolgere la sua attivit. In suo aiuto c’ per un ventaglio di finanziamenti ritagliati su misura e messi in campo da Casse previdenziali, organizzazioni di rappresentanza e banche. Tutte le opportunit per architetti, avvocati, commercialisti, consulenti del lavoro, geometri, ingegneri, notai, medici e dentisti, oltre alla vasta gamma di finanziamenti prevista da Confprofessioni.

© Riproduzione riservata