oggi la conferenza dei capigruppo

La presidente del Senato: in un momento così delicato il rispetto delle regole è l’unico metro da adottare. Grasso (LeU): l’opposizione può fermare il “blitz” di Salvini che vuole votare la sfiducia prima di Ferragosto. Di Maio ai gruppi M5S: Salvini ha tradito gli italiani, con Berlusconi dal notaio per patto, noi a fianco di Conte

12 agosto 2019


Governo del presidente o balneare: le 10 sfumature di esecutivi non tradizionali

4′ di lettura

«La convocazione dell’Assemblea, nell’ipotesi in cui il calendario dei lavori non venga approvato in capigruppo all’unanimità, non costituisce forzatura alcuna, ma esclusivamente l’applicazione del regolamento». Lo dichiara il presidente del Senato, Elisabetta Casellati, in vista della riunione dei capigruppo fissata per le 16 di oggi a Palazzo Madama che dovrà decidere per la calendarizzazione in Aula. La presidente aggiunge: «L’art. 55, comma 3, prevede infatti che sulle proposte di modifica del calendario decida esclusivamente l’assemblea, che è sovrana. Non il Presidente, dunque». «In un momento così delicato per il Paese, l’unico metro possibile da adottare a garanzia di tutti i cittadini è il rispetto delle regole» conclude.

GUARDA IL VIDEO: Governo del presidente o balneare: le 10 sfumature di esecutivi non tradizionali

Di Maio: Lega ritiri suoi ministri, noi a fianco di Conte

Intanto, Luigi Di Maio va all’attacco del Carroccio. «La Lega faccia dimettere tutti i suoi ministri da questo Governo ha detto il vicepremier all’assemblea dei parlamentari M5S -. I ministri della Lega dovrebbero votare contro se stessi. Noi saremo al fianco di Giuseppe Conte. Ha il diritto di presentarsi alle Camere per dire quello che abbiamo fatto, quello che potevamo fare e che non faremo. Ci devono guardare negli occhi». Secondo il leader Cinquestelle «Salvini non ha tradito il movimento o Conte , ma milioni di italiani a cui per 14 mesi aveva detto che non guardava i sondaggi. Ha tradito il contratto di governo per i suoi interessi». «Berlusconi e Salvini stanno andando dal notaio per firmare un patto che assicura seggi a Berlusconi – ha continuato poi il leader M5S -. Lo dico a Forza Italia: oggi Berlusconi vi mollerà. E Salvini svenderà Lega a Berlusconi come fece 20 anni fa». «Si fa chiamare capitano ma ha abbandonato la nave nel momento del coraggio», avrebbe detto ancora Di Maio parlando del ministro dell’Interno. Attacchi a Salvini anche da parte di Beppe Grillo, che sul suo blog scrive: «Lo sceriffo è in fuga dalla città, attraversa a gran velocità gli stati del sud accolto da un oceano di fischi».

APPROFONDIMENTI: Ecco i 4 scenari per uscire dalla crisi Lega-M5S

Di Maio: solo Mattarella dice quando votare

»Mattarella è l’unico che decide quando e se andare a votare», ha continuato Di Maio, secondo il quale Già è surreale che ci debba essere

crisi a Ferragosto. Ai cittadini viene scaricata addosso la preoccupazione non delle elezioni ma di una crisi che colpirà misure per loro importanti». «Un governo non si insedierà prima di dicembre – ha aggiunto – e salterà tutto quello che abbiamo fatto, quindi reddito, quota 100…Stiamo parlando del futuro del nostro Paese». Di Maio è tornato poi sulla questione del taglio dei parlamentari: «Il taglio si deve fare, se c’era una maggioranza su questo tema fino al 5 agosto dovranno spiegare i leghisti perché non lo votano più. Per noi è importante che si voti il taglio che lo faccia il parlamento non mi importa chi, basta che si voti. Chiediamo al presidente della Camera di convocare la seduta per l’ultima votazione sulla legge per il taglio».